Cronaca

Traffico illecito di rifiuti e riciclaggio, dalla Campania al Salento: 13 arresti

Per i 13 destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare l’accusa è quella di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti su tutto il territorio nazionale e riciclaggio. A finire nei guai, anche un uomo del salernitano

Rifiuti provenienti dalla Campania e poi stoccati nei capannoni del Tacco e, in alcuni casi, persino tombati nei terreni con inenarrabili danni ambientali (e sanitari) a falda e sottosuolo, usando il Salento a mo' di discarica d'Italia. Scatta l’operazione “All black” dei carabinieri del Noe di Torino, il Nucleo operativo ed ecologico, in collaborazione con la guardia di finanza di Taranto. In 13, all’alba di oggi, sono stati arrestati: dieci in carcere e gli altri ai domiciliari. Nel mirino dei militari, altri individui delle province di Salerno, Taranto, Brindisi, Palermo, Cosenza, Reggio Calabria, Napoli e Caserta. A finire nei guai nel nostro territorio, in particolare, un 42enne di San Pietro al Tanagro.

L’operazione è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia lecceseo ed è la somma di tasselli investigativi raccolti in oltre un anno e mezzo di indagini. Per i 13 destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare l’accusa è quella di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti su tutto il territorio nazionale e riciclaggio. Sono in corso sequestri per diverse centinaia di migliaia di euro.



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico illecito di rifiuti e riciclaggio, dalla Campania al Salento: 13 arresti

SalernoToday è in caricamento