rotate-mobile
Cronaca Centro / Via Roma

Traffico e caos: il centro paralizzato, salernitani sull'orlo di una crisi di nervi

Oltre un'ora per raggiungere via Diaz partendo dal Porto: code e caos tra automobilisti e passanti. Vetture parcheggiate ovunque

La speranza, lo scorso week-end, era che la situazione potesse migliorare, nella convinzione che, giorno dopo giorno, i salernitani prendessero consapevolezza della comodità offerta dalla metro e si decidessero, così, a lasciare l'auto a casa o quanto meno alle porte della città, per poi raggiungere il centro della city a piedi. Nulla di tutto questo si è avverato. Duplicate, anzi, triplicate, le code che hanno caratterizzato lungomare, via Roma, Corso Garibaldi, il viadotto Gatto ed ogni strada limitrofa al centro.

Un'ora, alle 21 di stasera, non è stata sufficiente per raggiungere via Diaz partendo da via Porto. Surreale, lo scenario all'altezza del cantiere del Crescent: una folla immane di persone in attesa di salire a bordo di bus turistici si è riversata sui marciapiedi, mentre immobili, le vetture in coda per poter raggiungere via Roma. Sul marciapiede di via Pertini, a pochi passi dalla villa comunale, auto in sosta sorvegliate da uno dei numerosi parcheggiatori abusivi che hanno invaso la città in questo week-end. Più avanti, su lungomare, decine, le vetture parcheggiate sopra le isole spartitraffico.

In molti, hanno deciso di fare dietrofront, ma a poco è servito: su via Roma come su corso Garibaldi, completamente bloccato il traffico. Al semaforo di via De Felice, non è mancato qualche salernitano che, tra un clacson ed un altro, ha deciso di ignorare il rosso gettandosi frettolosamente su corso Garibaldi, per poi immettersi in via Diaz. Sull'orlo di una crisi di nervi, i cittadini che, ad oggi, non hanno, purtroppo, ancora goduto di nessun vantaggio legato alla metro nei gettonatissimi week-end di Luci d'Artista.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico e caos: il centro paralizzato, salernitani sull'orlo di una crisi di nervi

SalernoToday è in caricamento