Linea ferroviaria Sicignano-Lagonegro: presto un tavolo al ministero

Vertice a Roma tra il Comitato nato per la riattivazione del tratto ferroviario e il segretario particolare del ministro Lupi. Presente all'incontro anche Lello Ciccone

Buone notizie per il tratto ferroviario Sicignano Lagonegro. Il Comitato nato per la sua riattivazione, ha avuto un faccia a faccia decisivo presso il Ministero delle Infrastrutture con il segretario particolare del ministro Maurizio Lupi, Marcello Di Caterina, alla presenza dell'ex assessore ai trasporti della Provincia di Salerno, Lello Ciccone, che ha reso possibile l’incontro. Gli esponenti del Comitato hanno avuto modo di fare le loro proposte sulla strada da seguire per arrivare alla riattivazione immediata del primo tratto funzionale tra Sicignano e Polla (28 km).

L'esito è stato positivo: Di Caterina ha assunto l'impegno, da portare a termine a breve scadenza, di convocare un tavolo nazionale attorno al quale riunire tutti gli attori aventi potere decisionale sulle sorti della Sicignano-Lagonegro. La proposta, lanciata dal Comitato, è stata accettata dal segretario particolare che si occuperà di fare gli onori di casa per testare la disponibilità delle parti in causa (RFI, Regione Campania, Regione Basilicata, Governo Italiano, Europa) - che saranno tutte presenti all'incontro. Il vertice sarà l'occasione per un confronto diretto e immediato e soprattutto rappresenterà la suddivisione delle responsabilità per agire concretamente sul ripristino del primo tratto di linea.

"Con un faccia a faccia schietto e diretto - fanno sapere dal Comitato - sarà impossibile assistere a balletti, false promesse e scaricabarile - come accade da anni grazie ad una classe politica che si impegna e poi dimentica di averlo fatto - e al termine della riunione verranno poste delle scadenze entro le quali aggiornare l'iter burocratico e continuare a muovere passi concreti verso un ripristino fortemente richiesto da una comunità stanca di promesse e menzogne".

"La strada intrapresa - proseguono -  è quella giusta, anche se non bisogna farsi illusioni e aspettare i fatti per capire se finalmente dopo quasi trent'anni si è giunti ad una svolta per il destino della Sicignano-Lagonegro. Con questo incontro si conclude la filiera istituzionale coinvolta dal comitato a lavorare sulla richiesta di riattivazione della tratta ferrata, ricordando che solo un impegno forte e costante, capacità diplomatiche e assenza di condizionamenti da logiche esterne alla nostra hanno fatto si che semplici cittadini arrivassero a portare la volontà delle comunità valdianese e lucana nei palazzi decisionali".

Di qui la considerazione finale: "Noi che viviamo sulla pelle il disagio di un bene pubblico strappato al territorio, del default economico, dello sviluppo e delle opportunità mancate, tutto frutto della insana gestione politica a tutti i livelli nel recente passato e delle logiche speculatorie personalistiche, continueremo ad impegnarci affinché chi ha potere decisionale si assuma la responsabilità - indipendentemente dal colore politico - di far risorgere il nostro amato territorio o di abbandonarlo definitivamente. Per noi un forte investimento su un'area sfruttata per troppo tempo è un punto di partenza per costruire un degno futuro in una terra troppo bella e da vivere. Che il treno torni nel Vallo, subito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sospetto caso di Coronavirus a Cava: bimbo al Cotugno, primi test negativi

  • Lutto a Salerno, è morta Laura Quaranta: tutti stretti attorno alla famiglia del dottor Della Monica

  • Costiera a lutto, è morto prematuramente il maresciallo Perrelli

  • Precipita con l'auto in Costiera: 51enne di Pontecagnano vivo per miracolo

  • Caso sospetto di Coronavirus a Ravello, isolato autista: chiuso il pronto soccorso

  • Coronavirus: due salernitani rientrati da Lodi si presentano al Ruggi, test negativi

Torna su
SalernoToday è in caricamento