Bimba di Ascea dona la propria treccia per sostenere la lotta contro il cancro

E' stato tutto donato all’associazione no profit “Un angelo per capello” che raccoglie capelli naturali e produce parrucche per malati oncologici

Il gesto che commuove è una storia d'amore che prende forma in Cilento, ad Ascea. Una bambina di 4 anni ha donato la propria treccia di capelli per sostenere un progetto nobile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dettagli

La bimba ha tagliato per la prima volta di tagliare i capelli e ha anche espresso il desiderio di donare la treccia allo zio, malato oncologico. La mamma l'ha accontentata: è stato tutto donato all’associazione no profit “Un angelo per capello” che raccoglie capelli naturali e produce parrucche per malati oncologici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Ordinanza anti-Covid di De Luca, i commercianti bloccano via Roma: "Il sindaco scenda dal Comune"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento