menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa Sky Salerno: rete pirata smantellata dai finanzieri

Quattro persone denunciate dalle fiamme gialle: avevano messo in piedi una "rete pirata" per la visione dei canali criptati della piattaforma televisiva. Denunciate altre ventidue persone, sequestrato materiale informatico

Avevano allestito una vera e propria "rete pirata" per la visione della piattaforma televisiva Sky: quattro persone, insieme ad altre ventidue, sono state denunciate all'autorità giudiziaria. A renderlo noto il comando provinciale della guardia di finanza di Salerno. A scoprire la rete pirata i militari della guardia di finanza della tenenza di Vallo della Lucania. Il meccanismo fraudolento, definito "card - sharing", letteralmente condivisione della card per la visione della piattaforma a pagamento, permetteva attraverso l'utilizzo di un unico abbonamento al circuito televisivo e di una connessione ad Internet di ricevere in chiaro tutti i canali criptati di Sky.

I cosiddetti “card-server”, che di fatto gestivano la truffa, canalizzando i codici di accesso in un apposito server e successivamente criptandoli, li diffondevano tramite connessione ad internet ai numerosi utenti finali “card-client” a loro connessi, che riuscivano ad attivare la visione in chiaro grazie all’utilizzo di decoder dedicati. I ricevitori andavano configurati, riferisce la guardia di finanza, tramite l'installzione di un software che era possibile scaricare da un sito Internet privata mantenendo una connessione continua al provider principale.

Il software in questione permetteva l'aggiornamento continuo dei codici di accesso criptati permettendo la visione in chiaro dei canali della piattaforma. Le fiamme gialle hanno individuato i quattro responsabili principali della rete pirata, tra Campania e Basilicata, che permettevano tramite l'aggiornamento dei codici la visione dei canali Sky a tutti gli utenti collegati. In totale 26 le persone denunciate all'autorità giudiziaria per il reato di truffa. Il materiale informatico (personal computer e decoder) è stato sequestrato.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

Salute

Open day per Pfizer a Roccadaspide e per Moderna a Cava: le date

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento