rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca Zona Porto

Appropriazione indebita al porto commerciale, tre denunce

I responsabili di una società operante nello scalo marittimo avevano sottratto merci custodite nel porto ai danni di un istituto di credito svizzero

E' di tre responsabili di una società operante nel porto di Salerno il bilancio di un'operazione messa a segno dagli uomini della guardia di finanza di Salerno: i tre sono ritenuti responsabili, in concorso, del reato di appropriazione indebita con l'aggravante di aver sottratto, ad un istituto di credito, merci detenute in custodia realizzando un danno patrimoniale pari a circa 5 milioni di Euro.

Nel corso delle indagini i finanzieri hanno appurato che la società indagata era stata nominata, nel 2008, da un gruppo societario con sede in Svizzera ed operante nel settore della compravendita di banda stagnata, quale deposito fiduciario delle merci introdotte nel territorio comunitario dalla società elvetica. Le merci, acquistate con soldi di un istituto di credito con sede nello stato elvetico, temporaneamente collocate nei depositi fiduciari privati, dovevano rimanere nelle disponibilità dell'istituto di credito in attesa che quest'ultimo autorizzasse la loro estrazione dai recinti di temporanea custodia, dopo aver ricevuto indicazione sulla destinazione finale da parte della società importatrice.

Tra il 2008 e il 2009, quindi, nei recinti deputati alla custodia delle merci sono state introdotte cinque partite di prodotti. Tuttavia, i finanzieri hanno scoperto nel corso delle indagini che, ad eccezione di una partita di merce che era stata autorizzata, gli amministratori della società - in contrasto con il capo area commerciale - si erano appropriati di un notevole quantitativo di merce, con un notevole danno per l'istituto di credito svizzero. Tre persone sono state quindi denunciate all'autorità giudiziaria per concorso in appropriazione indebita aggravata.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appropriazione indebita al porto commerciale, tre denunce

SalernoToday è in caricamento