menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due truffe in poche ore a San Marzano, rubata anche una fede nuziale

A lanciare l'allarme, il sindaco: “Bisogna sensibilizzare in tutti i modi i nostri anziani a non dar retta a persone che non conoscono"

Due truffe in poche ore a San Marzano sul Sarno. A lanciare l'allarme, il sindaco, Carmela Zuottolo, dopo che ad una 94enne è stata portata via anche la fede nuziale. Soltanto ieri ne sono state compiute due che hanno consentito ai malviventi di sottrarre a due altrettante persone oltre 6mila euro. “Bisogna sensibilizzare in tutti i modi i nostri anziani a non dar retta a persone che non conoscono e soprattutto non consentire a nessuno di entrare nella propria abitazione. Al primo sospetto devono allertare i carabinieri e la polizia municipale”, ha detto il sindaco.

Il racconto

Una delle vittime, una donna di 94 anni, vedova, ha presentato una denuncia alla stazione dei carabinieri di San Marzano sul Sarno, spiegando come è stata raggirata insieme alla sorella. “Era da poco passato mezzogiorno – ha raccontato ai carabinieri – quando ho ricevuto una telefonata a casa, un uomo ha detto di essere un suo nipote, mi avvisava che stava aspettando dei libri importanti ma non aveva i soldi per pagarli, se non lo avesse fatto sarebbe stato denunciato”. In soccorso della 94enne, visibilmente preoccupata, è intervenuta sua sorella più giovane che ha continuato a parlare con l’interlocutore il quale le ha chiesto un numero di cellulare per essere rintracciata da un impiegato che l’avrebbe aspettata all’esterno dell’ufficio postale. La donna ha fornito il suo. “Ora scenda di casa – le ha detto il malfattore – vada alla postale, all’esterno troverà un impiegato che le darà il bollettino di pagamento”.

La scoperta

Era lo stratagemma per lasciare da sola a casa la vittima. Poco dopo, infatti, alla porta si è presentato un uomo, età apparente circa 40 anni, sostenendo di essere un amico del nipote, le ha chiesto 4. 800 euro per pagare i libri ed evitare la denuncia. “In casa ho soltanto 3. 000 euro”, gli ha risposto la donna. “Cerchi ancora e mi dia anche oggetti d’oro”, ha replicato il truffatore. L’anziana alla fine è riuscita a racimolare 4. 400 euro e l’unico oggetto oro posseduto, la fede nuziale, consegnando tutto all’uomo che è andato via con il bottino. Ma non era finita. Poco dopo nuova telefonata, sempre il presunto nipote che le ha implorato di consegnare anche la cassetta dell’oro. Ma la telefonata è stata interrotta dal ritorno a casa della sorella che le ha raccontato che all’ufficio postale non ha trovato nessuno. Soltanto a quel punto le due donne si sono rese conto, tra le lacrime, di essere state raggirate. 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento