menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffe, appropriazioni indebite e false dichiarazioni: nei guai 38enne di Battipaglia

L'uomo, appartenente alla famiglia battipagliese - non più operante - dei "Garibaldi" e figlio del più noto "Gerardo O' Garibaldi", gestiva una rivendita di auto

E' scattata la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per 3 anni per G.N., 38enne del posto, meglio conosciuto come “Gino O’ Garibaldi”. L’uomo, appartenente alla famiglia battipagliese – non più operante – dei “Garibaldi” e figlio del più noto “Gerardo O’ Garibaldi”, gestiva una rivendita di auto in via Fiorignano, denominata “G&G”.

Il pregiudicato si è reso responsabile di svariate truffe, appropriazioni indebite e false dichiarazioni, tutte segnalate dai militari dell’Arma battipagliese alla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Salerno che ha disposto, nei confronti del 38enne, anche la decadenza da licenze, autorizzazioni, concessioni, iscrizioni, attestazioni, abilitazioni di Polizia e di commercio ed altro necessario allo svolgimento di attività imprenditoriali intestate a lui, ai suoi parenti o prestanome. Nel 2007 l’uomo venne, inoltre, tratto in arresto per traffico di sostanze stupefacenti sempre dai carabinieri di Battipaglia e condannato alla pena di 4 anni ed 11 mesi di reclusione. La misura eseguita questa mattina dimostra l’attenzione dei militari per la sicurezza del territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento