rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca Montecorvino Pugliano

Casi di tubercolosi bovina nel salernitano: Cammarano (M5S) scrive a Caputo

Le aree collinari coinvolte sono quelle dell’Alto Sele, dei Monti Picentini e del Cilento Interno, con un totale di 30 focolai su 32 registrati in Campania

L’Associazione Italiana Coltivatori di Salerno segnala un allarmante aumento, nel salernitano, dei casi di tubercolosi bovina, ed in particolare nelle aree collinari dell’Alto Sele, dei Monti Picentini e del Cilento Interno, con un totale di 30 focolai su 32 registrati in Campania. 

Il fenomeno inizia a preoccupare

Il consigliere regionale del M5S Michele Cammarano ha inviato, questa mattina, una lettera all’assessore regionale all’agricoltura Nicola Caputo: “Parliamo di aree interne in cui l’agricoltura e la zootecnia rappresentano le principali fonti di reddito e una tale circostanza appare particolarmente grave se si considerano le dannose conseguenze non solo per gli allevatori direttamente ed indirettamente coinvolti ma anche per tutta la filiera agricola campana. L’abbattimento forzato degli animali, il blocco delle consegne di latte e prodotti derivati e la perdita dei contributi comunitari legati al pascolamento sono solo alcuni esempi del danno considerevole, attuale e potenziale, causato dalla tubercolosi bovina”. Di qui la richiesta all’assessore Caputo di “istituire un tavolo tecnico al fine di valutare lo stato dei fatti e la gravità della situazione e mettere in atto ogni misura idonea a contrastare le problematiche generate dalla tubercolosi bovina. È assolutamente necessario - conclude Cammarano - prevedere per le aziende colpite dei benefici a ristoro compreso un intervento di tipo amministrativo al fine di evitare che perdano i premi comunitari”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casi di tubercolosi bovina nel salernitano: Cammarano (M5S) scrive a Caputo

SalernoToday è in caricamento