Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Turchia, espulso il sindaco di Santomenna Voza: "E' un terrorista"

Il primo cittadino salernitano era partito in qualità di osservatore internazionale nel Kurdistan turco per garantire, insieme ad altri membri della delegazione europea del Partito Democratico dei Popoli turchi, lo svolgimento della festa del Newroz

Il sindaco Santomenna

E’ stato prima arrestato e poi espulso dalla Turchia per motivi legati al terrorismo. Il protagonista di questa incresciosa vicenda è il sindaco di Santomenna Massimiliano Voza, che, mercoledì mattina era partito alla volta del Paese asiatico in qualità di osservatore internazionale nel Kurdistan turco per garantire, insieme ad altri  membri della delegazione europea del Partito Democratico dei Popoli turchi, che lo svolgimento della festa del Newroz del 21 marzo si svolgesse senza problemi.

Soltanto che le forze armate lo hanno bloccato subito. Il primo cittadino salernitano, quindi, ha trascorso la serata di giovedì in una camera di sicurezza dell’aeroporto Sabiha Gohce di Istanbul senza poter comunicare con l'esterno o entrare nel Paese. Questa mattina è atterrato all’aeroporto di Fiumicino a Roma, al terminal 3, alle 13:15, da dove si è recato presso il commissariato di Polizia per denunciare l’accaduto.

Immediata la solidarietà dal mondo politico: “Il sindaco Voza - si legge in una nota di Rifondazione Comunista - è sempre stato coinvolto in attività di carattere umanitario in supporto della popolazione curda. Il suo respingimento, che segue quello di numerosi altri attivisti italiani, costituisce una chiara dimostrazione dell’arbitrarietà dell’azione delle autorità turche, che utilizzano lo Stato di emergenza quale giustificazione per ostacolare l’attività delle reti internazionali a tutela dei diritti umani”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turchia, espulso il sindaco di Santomenna Voza: "E' un terrorista"

SalernoToday è in caricamento