menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Passeggiata tra mare e natura: l'incanto del Sentiero dei Limoni

La Costiera Amalfitana regala scorci mozzafiato e tornanti nei quali addentrarsi, attraverso piacevoli passeggiate a contatto con la natura. Il nostro lettore Michele Ruocco ci segnala un itinerario da favola

Costiera Amalfitana è sinonimo di mare ma anche di scorci mozzafiato e tornanti nei quali addentrarsi, attraverso piacevoli passeggiate a contatto con la natura. Il nostro lettore Michele Ruocco ci segnala un itinerario da favola: Sentiero dei Limoni

Il percorso

Partenza da Maiori e arrivo a Minori Via Vena – Via San Giuseppe, Via Torre. Il percorso breve dura 60 minuti con attrezzatura e scarpe da trekking. Visita a luoghi di culto o giardini in 4 ore.

Gli scrigni d'arte

Arrivati a Maiori, si percorre corso Reginna per arrivare in Piazza d’Amato. Sulla sinistra c'è una scalinata, denominata Scala Santa che è una delle vie di accesso al Sentiero dei Limoni. Sulla sinistra si intravede in alto la chiesa di Santa Maria a Mare e percorrendo questa scalinata un cancello con un pannello in ceramica indica l’accesso alla Chiesa. Il cammino riprende e si arriva in Piazza Milo, dove una pianta di ulivo fa da segnapista per il sentiero dei limoni. Subito a sinistra la Chiesa di Maria Santissima del Carmelo e la porta laterale della Chiesa Santa Maria a Mare, po il Museo d'Arte Sacra. Grandi foto ricordano i luoghi che furono il set cinematografico del neorealismo di Roberto Rossellini, che trovò a Maiori e negli altri centri della Costiera Amalfitana spunto per girare film con Anna Magnani che hanno fatto la storia della cinematografia mondiale, a ricordo dello sbarco degli alleati nella seconda guerra mondiale l’8 settembre 1943. 

Nuova tappa

Dopo aver visitato i monumenti ed aver ammirato un ulivo posto al centro della piazza, la salita prosegue percorrendo via Vena, forse la parte più antica di Maiori. Dopo pochi scalini, una serie di belvederi ed il primo slargo spazioso sono la finestra sull'itinerario da seguire. E' possibile ammirare la cupola della Chiesa di Santa Maria a Mare, ad embrici maiolicati verdi e gialli, tipica architettura della Costiera Amalfitana. Durante il percorso, ci sono diverse fontane con acqua potabile.

Le caratteristiche

Il “Sentiero dei limoni” è uno dei pochi sentieri della Costa d’Amalfi rimasto intatto, non sostituito da strada rotabile. Tanti anni fa, quando non c’era l’attuale Strada Statale 163, Maiori e Minori erano collegate da questo sentiero. L'alternativa era spostarsi via mare. Il Sentiero dei Limoni costituisce una delle realtà più importanti nella coltivazione dello "sfusato amalfitano", un tipo di limone famoso in tutto il mondo per la sua forma, il suo profumo, il sapore e l’alto contenuto di vitamina C. Le sue proprietà dipendono dal tipo di coltivazione, dal terreno di risulta alluvionale contenuto in terrazze di macere aperte e in apposite cisterne, le peschiere, che raccogliendo l’acqua dalle montagne messe a macerare ne arricchiscono il terreno agricolo con il loro contenuto. Altro elemento di coltivazione è il pergolato. E' una tradizione antichissima: si piegano “a torciatura” i rami per favorire la produzione. Il sistema di copertura dei limoni  difende la famosa buccia del limone “ sfusato amalfitano”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento