Un “dolce risveglio” ad Agropoli per un bene confiscato alla criminalità

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Si terrà sabato 15 ottobre alle ore 11,00 ad Agropoli- località Moio Alto- l'inaugurazione della Casa Alloggio "Dolce Risveglio", il progetto che si è aggiudicata la Fondazione CasAmica attraverso un bando pubblico del Comune di Agropoli.

L' immobile, sequestrato alla criminalità organizzata e ristrutturato dalla Fondazione CasAmica, sarà destinato ad adulti sofferenti psichici che attraverso le attività occupazionali e ludico-ricreative, potranno essere restituiti al tessuto sociale.

Saranno presenti all' inaugurazione Carmen Guarino Presidente Fondazione CasAmica, Franco Alfieri Sindaco di Agropoli, Giulio Corrivetti Direttore Dipartimento Salute Mentale Asl di Salerno e Mario Ogliaruso Responsabile del Piano di Zona S8.

"Ogni bene confiscato alla criminalità organizzata che torna all'uso della comunità è una conquista- dichiara Carmen Guarino- siamo convinti che iniziando a restituire questa struttura ad uso civile, legale e sociale, restituiamo importanti pezzi al nostro territorio. La Casa alloggio diventerà una risorsa importante per il territorio, per l'amministrazione e per le famiglie. E' un'azione che restituisce dignità alle persone più deboli".

"E' un momento importante per Agropoli - afferma il sindaco Franco Alfieri - dalla sinergia tra l'amministrazione comunale, il Piano di Zona S8, il Dipartimento di Salute Mentale dell'Asl Salerno e la Fondazione CasAmica, è nata una struttura che sarà al servizio della nostra comunità. Un riferimento, nello specifico, per le famiglie che vivono problematiche legate a persone con disabilità mentali. Un'iniziativa che assume un significato particolare, perchè realizzata all'interno di un edificio confiscato e che oggi viene reso disponibile ed utilizzato per attività sociali e di assistenza alle fasce più deboli di popolazione".

Torna su
SalernoToday è in caricamento