menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università di Fisciano, esami da avvocato copiati: arrivano le prime richieste di pena

La procura di Nocera Inferiore invia le prime richieste di decreto penale di condanna per almeno 15 persone, ma il numero è destinato ad aumentare. Nel mirino gli elaborati per l'iscrizione all'albo degli avvocati nella sessione del 2015

Parti copiate e spacciate per proprie nell’esame per il conseguimento della professione di avvocato: la Procura di Nocera Inferiore invia le prime richieste di decreto penale di condanna per 15 delle circa 60 persone indagate. L’ipotesi accusatoria è concentrata sugli elaborati validi per la sessione di esame, al cui interno sarebbero presenti dei passaggi facenti parte di altre fonti giuridiche. La sessione di riferimento è quella del 2015, sulla quale la Corte d’Appello di Brescia, incaricata di correggere le oltre 1000 prove svolte all’Università di Fisciano lo scorso dicembre, riscontrò alcune anomalie in almeno sessanta tracce. Il reato per il quale si procede è l’articolo 1 della legge 475 del 1925, che reprime «la falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di lauree, diplomi, uffici, titoli e dignità pubbliche». Il primo giro di richieste porta la firma del sostituto Roberto Lenza (ma ogni pubblico ministero presso il Tribunale di Nocera Inferiore ha nelle sue competenze diverse posizioni). I nomi dei quindici sono ora al vaglio del gip Luigi Levita. Come si sarebbe concretizzata la violazione della legge: il candidato all’esame per l’iscrizione all’albo degli avvocati, durante la redazione dell’elaborato, avrebbe presentato come proprie, dissertazioni, studi e pubblicazioni o comunque lavori riconducibili all’opera altrui. Le anomalie sono state riscontrate in tutte e tre le prove, a seconda dei candidati. In alcuni casi, gli stessi si sarebbero muniti di telefono cellulare per accedere a siti specializzati in rete, prendendo parti poi ritenute congrue alla stesura del proprio elaborato. Tra i portali citati dalla procura, c’è il dominio "Diritto.it". La circostanza avrebbe di fatto portato alla violazione del diritto d’autore, regolata dal Regio decreto del 1925.  Le circa 60 posizioni furono analizzate dalla sottocommissione "Esami Avvocato" istituita presso la Corte di Appello di Brescia, che al termine del lavoro inviò le risultanze investigative alla Procura di Salerno. La quale, per competenza territoriale, inoltrò tutto ai colleghi di Nocera Inferiore.

L’attività d’indagine della procura nocerina tuttavia non è ancora conclusa: nei prossimi giorni potrebbero essere firmati ulteriori decreti penali per altri candidati, qualora venissero accertate anomalie negli elaborati. Due le strade per chi, invece, risulta essere già destinatario del decreto. La prima, è quella di versare la sanzione, secondo quanto prevede la legge, di 7500 euro. La pena pecuniaria infatti, parte da una base di tre mesi di reclusione, che viene diminuita per la concessione delle attenuanti generiche e sostituita con il corrispettivo di una somma da pagare. L’alternativa è presentare opposizione al decreto penale, con tanto di memoria difensiva, puntando alla fase dibattimentale davanti ad un giudice. Quando i faldoni giunsero nel palazzo di giustizia di via Falcone, ad ogni sostituto procuratore fu assegnato un malloppo di nomi, diversificato in base alla data di nascita di ogni singolo indagato. I sessanta elaborati che erano finiti nel mirino della Corte d’Appello di Brescia furono tutti annullati. La notizia di un’indagine sulla sessione del 2015 giunse proprio pochi giorni dopo la conclusione della nuova sessione, quella del 2016. Durante la tre giorni, le commissioni di riferimento avevano espulso in entrambi i casi già diversi partecipanti perché trovati in possesso di telefoni cellulari. Lo stesso distretto salernitano fu già interessato da un precedente nel 2012, quando 13 persone furono accusate e iscritte nel registro degli indagati per aver copiato durante la prova. In quel caso, a segnalare anomalie era stata la commissione del comune di Lecce. La Procura di Nocera Inferiore aveva invece stabilito un approccio preciso per l’analisi degli elaborati: valutare singolarmente ogni traccia, distinguendo quelle nelle quali poteva configurarsi il reato, rispetto a quelle invece destinate a essere scartate. Un primo step è ora chiuso, ma presto potrebbero essere firmati altri decreti penali per altrettanti aspiranti avvocati.          

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

Salute

Open day per Pfizer a Roccadaspide e per Moderna a Cava: le date

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento