menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cava de' Tirreni, usuraio presta soldi e poi si fa vendere la casa dalla vittima

Sarà processato, nei guai un 52enne. Le indagini risalgono a cinque anni fa e sono scattate dopo la denuncia del proprietario di un immobile che è stato costretto a firmare un preliminare di vendita. Tassi applicati al 10 per cento e poi lievitati

La procura di Nocera Inferiore ha mandato a giudizio un 52enne di Cava de' Tirreni: sarà processato con l'accusa di aver prestato soldi a tassi usurai. I fatti risalgono a cinque anni fa e le indagini sono scattate dopo la denuncia della vittima.

I controlli incrociati

La persona imputata avrebbe dapprima prestato ventimila euro ad un imprenditore sul lastrico. La crisi economica nella quale era sprofondato lo aveva spinto a chiedere soldi accettando - secondo l'accusa - un tasso usuraio del 10 per cento. Gli interessi sono poi lievitati nel corso degli anni, la cifra da restituie è lievitata fino a 130mila euro e la vittima è stata costretta a sottoscrivere un preliminare d'accordo per la vendita di una casa a Cava de' Tirreni. La procura, dopo la denuncia, ha ricostruito i movimenti bancari per verficare in che modo la persona vittima di usura prelevasse il denaro e poi lo restituisse al suo interlocutore. Il processo farà luce su quanto è accaduto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento