menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vacanze di lusso in Costiera Amalfitana e Capri: arrestato finto diplomatico

Il 31enne aveva fornito durante il check-in in hotel un documento d'identità falso e quando è arrivato il momento di saldare il conto ha informato la direzione di aver disposto un bonifico, mostrandone la ricevuta di presa in carico: totale 10mila euro

Uno straniero di origine croata di 31 anni è stato arrestato perché considerato l’autore di una serie di truffe ai danni di alberghi e ristoranti della Costiera Amalfitana (Positano e Amalfi) e dell’isola di Capri

I raggiri 

L’uomo ha soggiornato dieci giorni in un noto hotel a 5 stelle dell'isola azzurra e frequentato locali e ristoranti di lusso. Ha anche noleggiato un'imbarcazione completa di skipper godendosi il mare in minicrociere tra Capri e le costiere amalfitane e sorrentine. Circa 15mila euro spesi con carte di credito e bonifici, poi risultati falsi. Il tutto fingendo di essere un diplomatico. Ma la vacanze di lusso per un 31enne croato già noto alle forze dell'ordine sono state interrotte dai carabinieri che lo hanno arrestato per truffa e false attestazioni sulla propria identità. La vacanza del croato, secondo la prenotazione, sarebbe dovuta finire oggi. Ma diverse sono state le segnalazioni di pagamenti non andati a buon fine e così sono scattate le indagini dei carabinieri di Capri. All'arrivo dei militari il falso diplomatico ha continuato a mantenere il gioco, assumendo un atteggiamento quasi infastidito dalla loro presenza.

Le false generalità 

Secondo quanto ricostruito, il 31enne aveva fornito durante il check-in in hotel un documento d'identità falso e quando è arrivato il momento di saldare il conto ha informato la direzione di aver disposto un bonifico, mostrandone la ricevuta di presa in carico: totale 10mila euro. Con lo stesso trucco ha noleggiato alcune barche - complete di equipaggio - e visitato i luoghi più affascinanti dell'isola e delle vicine costiere.
Anche qui il conto è stato salato: 4.500 euro, ancora una volta pagati con finti bonifici comprovati con contabili fasulle.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento