menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La foto su Fb

La foto su Fb

La moglie del sindaco di Salerno si vaccina: Amatruda infuriato, il Moscati interviene

Amatruda: "Abbiamo ‘sopportato’ il vaccino a De Luca, per me inopportuno ma ho compreso le ragioni di chi giustificava, ora dobbiamo vedere il privilegio per la moglie del Sindaco Enzo Napoli"

Mi ribolle il sangue nelle vene e non è polemica politica e’ giustizia, per chi ha la mia formazione si chiama ‘giustizia sociale’.  Abbiamo ‘sopportato’ il vaccino a De Luca, per me inopportuno ma ho compreso le ragioni di chi giustificava, ora dobbiamo vedere il privilegio per la moglie del Sindaco Enzo Napoli. Una sociologa in pensione che ha una consulenza all’Asl di Avellino.

Mi ribolle il sangue nelle vene, io penso alla mia Giamyla, a Guglielmino che non sopporta la mascherina. Ma come si fa ? Come fanno questi tizi a passare davanti a fasce più deboli, ai disabili, a chi è immunodepresso e non provare vergogna ? Serve un piano serio e serve partire dai disabili.

E' questo il post su Facebook al vetriolo di Gaetano Amatruda, storico portavoce dell’ex presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, per commentare il vaccino di Giovanna Doria, moglie del sindaco di Salerno. Non è tardato ad arrivare, tuttavia, il chiarimento dall’azienda ospedaliera Moscati, di cui Giovanna Doria è componente dell’Organismo indipendente di valutazione (Oiv) che "rientra di diritto nella campagna vaccinale anticovid al pari degli dei dipendenti, sanitari, sociosanitari e amministrativi dell’Azienda e di quelli delle ditte esterne che comunque operano all’interno della struttura". La moglie del sindaco di Salerno, dunque, dopo la prima somministrazione, è in attesa della seconda dose vaccinale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento