Vallo di Diano, bus per Napoli e Salerno ridotti: la denuncia

Il Comitato è venuto a conoscenza che i bus sostitutivi andata e ritorno delle linee veloci Trenitalia per Eboli e Napoli a datare 2 Luglio subiranno un aggravio di percorrenza e di orario. La denuncia arriva dal Comitato Pendolari Vallo di Diano

Il Comitato è venuto a conoscenza che i bus sostitutivi andata e ritorno delle linee veloci Trenitalia per Eboli e Napoli a datare 2 Luglio subiranno un aggravio di percorrenza e di orario, in quanto gli uffici preposti sia amministrativi che tecnici hanno autorizzato la fermata dei bus presso la Stazione di Contursi Terme, per svolgere integrazione  alla offerta dell’esistente servizio in ferro”. La denuncia arriva dal Comitato Pendolari Vallo di Diano, che parla di uno “scippo istituzionale”.

I disagi

L’autorizzazione  è stata concessa senza alcun preavviso, senza alcuna consultazione, senza alcuna condivisionefanno sapere in una nota inviata alla Regione, Provincia, Comunità Montana Vallo di Diano e ParcoA soffrirne di più del disagio saranno non solo gli utenti valligiani (in maggior parte lavoratori e studenti) che quotidianamente si spostano su Eboli, Battipaglia, Agropoli, Salerno e Napoli, ma  andrà a vanificare quanto di buono è stato fatto per incentivare l’interscambio  con i visitatori dei siti culturali, ambientali, religiosi valligiani e con gli usufruitori delle coincidenze con i frecciarossa, italo ed autolinee ministeriali su Salerno e Napoli

Le corse, come è accertatoevidenziano pendolari –  viaggiano al limite della capienza e  la ristretta disponibilità dei  posti a sedere renderà molto difficile  soddisfare una  ulteriore richiesta: tutto ciò alimenterà frizioni, ostracismi,  disagi  tra gli utenti, elevata probabilità di viaggiatori lasciati a terra – per i valligiani prolungate attese e/o dispendiose alternative -, ritardi nell’effettuazione del servizio, perdita delle coincidenze  e  una ulteriore limitazione all’abbattimento del gap chilometrico con i Comuni capoluogo”.

Se questa eventualità accadrà, si aggiungerà tutto ciò alle altre angherie, soppressioni di servizi ed uffici che le popolazioni del Vallo di Diano stanno subendodicono – contribuirà  fortemente ad  indebolire i Comuni posti ai confini più lontani della nostra provincia, accrescerà la sfiducia dei cittadini verso le Istituzioni e sarà un altro tassello che concorrerà alla fuga verso altre città, regioni   più confacenti alla umana vita quotidiana”. Di qui la richiesta a “porre in essere ogni iniziativa atta a scongiurare l’accadimento presso tutte le sedi per tutelare gli interessi primari della  Comunità valdianese”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Salerno usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Travolto da un treno ad Angri: Tobia è morto, Agro a lutto

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente sulla Cilentana, muore anche la 17enne di Albanella

Torna su
SalernoToday è in caricamento