menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Variante di Piazza della Libertà: De Luca rischia un nuovo processo

Il governatore della Campania è accusato di "falso in atto pubblico". Nel mirino dei pm Antonio Cantarella e Guglielmo Valenti anche molti assessori comunali e tecnici di Palazzo di Città e della Esa Costruzioni

Nuovi guai giudiziari per il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Questa volta l’accusa mossa nei suoi confronti è quella di “falso in atto pubblico” nel processo, in corso al tribunale di Salerno sul grande cantiere di Piazza della Libertà. In particolare i pm Antonio Cantarella e Guglielmo Valenti hanno depositato presso la cancelleria dell’ufficio gip/gup una nuova richiesta di rinvio a giudizio nei suoi confronti per aver approvato, quando era sindaco di Salerno, assieme alla sua giunta, la variante urbanistica da otto milioni di euro in favore della Esa Costruzioni, poi fallita, che stava costruendo la piazza sul lungomare cittadino. La giustificazione data fu l’insorgenza di una “sorpresa geologica”, spiegando che la falda acquifera era risultata più alta del previsto. Secondo gli inquirenti, invece, gli stati di avanzamento e la variante non erano altro che la necessità di riparare ad un errore in fase progettuale.

Ma De Luca non è l’unico a rischiare un nuovo processo. Nel mirino dei pm anche gli assessori Eva Avossa, Gerardo Calabrese, Alfonso Buonaiuto, Mimmo De Maio ed Ermanno Guerra insieme ai consiglieri regionali (ex membri della sua giunta comunale) Luca Cascone, Nello Fiore, Enzo Maraio e Franco Picarone. Non solo, ma nell’elenco figurano anche tecnici e imprenditori impegnati nell’opera, accusati a vario titolo di peculato e turbativa d’asta. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento