rotate-mobile
Cronaca

Lo Stato cede quote del Marina d'Arechi: "Il porto non è in vendita"

"Si tratta in realtà - spiegano i vertici del porto - della conclusione della procedura di dismissione delle quote di partecipazione detenute da Invitalia SpA in un certo numero di società di porti turistici italiani"

Dopo la notizia del ritiro da parte dello Stato della quota del 32% dal Marina d’Arechi, i vertici del porto turistico salernitano ci tengono a precisare che l’infrastruttura “non è affatto all’asta”. “Si tratta in realtà – spiegano - della conclusione della procedura di dismissione delle quote di partecipazione detenute da Invitalia SpA in un certo numero di società di porti turistici italiani, a seguito di un cambio di indirizzo strategico, in coerenza con le linee generali indicate dal Ministero dello Sviluppo Economico. Invitalia, avendo riconosciuto la valenza di best practice imprenditoriale all'esperienza nella portualità turistica realizzata a Salerno da Gallozzi Group SpA, sottoscrisse, con l'impostazione del fondo d’investimento ed una uscita già preventivamente programmata, una quota di minoranza del capitale sociale, così da accompagnare l’iniziativa nella fase di partenza”. 

Per questo “avvicinandosi la positiva conclusione del periodo di start up, Invitalia SpA ha ritenuto di proporre al mercato, unitamente  alle partecipazioni detenute nelle società di altri porti turistici, la collocazione  della quota di minoranza posseduta in Marina d'Arechi SpA, attraverso un bando pubblico di  rilevanza comunitaria. E’ appena il caso di evidenziare che tale operazione ovviamente non modifica gli assetti di controllo e di governance di Marina d'Arechi SpA in quanto la famiglia Gallozzi - concludono - continua a detenerne la maggioranza assoluta, pari a circa il 70 per cento del capitale sociale”. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo Stato cede quote del Marina d'Arechi: "Il porto non è in vendita"

SalernoToday è in caricamento