rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Scafati

Scafati, neonato venduto: frase choc della mamma "adottiva"

La madre "acquirente" al ginecologo: "Lei, dottore, mi aveva promesso che mi avrebbe fatto apparire come la vera madre: rivoglio indietro i soldi"

Tratti sempre più oscuri ed agghiaccianti, emergono dal caso del ginecologo di Scafati, arrestato dalla squadra della Questura di Caserta, per aver convinto una minore a vendere suo figlio ad una coppia salernitana, per 25mila euro. Ad incastrare il medico, Andrea Cozzolino, 57enne, emblematiche intercettazioni telefoniche.

Lascia di sasso, il  contenuto della conversazione tra il medico e la 48enne C.G., mamma "acquirente" nel gennaio del  2012, del piccolo nato nell' ottobre 2011, nella clinica "Santa Lucia" di San Giuseppe Vesuviano.  "Mi hanno chiamato quelli del Centro Antiviolenza Eva e hanno minacciato di denunciarmi se non avessi consegnato il bimbo ai servizi sociali - ha detto la donna - Eppure lei, dottore, mi aveva promesso che mi avrebbe fatto apparire come la vera madre. Rivoglio indietro i soldi".

Non sorprende, invece, la risposta del ginecologo che non ha mai restituito i 25mila euro: "Non è stata colpa mia: il direttore sanitario è stato velocissimo nel registrare la nascita. Pensavo di aver qualche giorno in più". Il bimbo, purtroppo in pessime mani dalla sua nascita, ora si trova in una casa famiglia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scafati, neonato venduto: frase choc della mamma "adottiva"

SalernoToday è in caricamento