menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il vescovo Bellandi

Il vescovo Bellandi

"Venerdì Santo", benedizione al Ruggi e poi lungo le strade di Salerno: il programma del vescovo

Oltre a monsignor Bellandi, saranno presenti unicamente il parroco della Chiesa della SS. Annunziata e S. Giorgio di Giffoni Valle Piana, uno dei cappellani ospedalieri e un medico. Durante il piccolo corteo è assolutamente vietato scendere in strada

E’ stato ultimato il programma per il “Venerdì Santo” (10 aprile) quando l’arcivescovo di Salerno-Campagna-Acerno, Monsignor Andrea Bellandi, alle 14.30 impartirà la benedizione per gli ammalati con la Spina Santa - patrimonio spirituale da oltre sei secoli della terra di Giffoni Valle Piana - nell'area antistante all’azienda ospedaliere universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” in San Leonardo per poi attraversare la città in automobile e arrivare alla Cattedrale di Salerno. Alle 15 – ora della morte del Signore Gesù – dalla scalinata d’ingresso della Cattedrale è prevista una preghiera di benedizione sulla Città di Salerno e sull’intera Arcidiocesi.

I dettagli e i divieti

L'evento inizierà con una breve preghiera e una benedizione agli ammalati presso il piazzale "Citta d'Ippocrate", all'esterno dell'azienda ospedaliera. Oltre l’Arcivescovo, saranno presenti unicamente il parroco della Chiesa della SS. Annunziata e S. Giorgio di Giffoni Valle Piana, uno dei cappellani ospedalieri e un medico.  A seguire l’Arcivescovo, con la reliquia, si muoverà verso la Cattedrale con un mezzo messo a disposizione dei vigili del fuoco e scortato dall’Arma dei Carabinieri. Il piccolo corteo, a velocità rallentata, percorrerà Via San Leonardo, piazza Mons. Grasso, via Trento, piazza Caduti di Brescia, via Posidonia, via Torrione, corso Garibaldi, via Roma, via Duomo per arrivare in piazza Alfano I. Il percorso, e l’intero momento religioso, potranno essere seguiti attraverso le riprese di Telediocesi Salerno. “Si sottolinea in modo tassativo – si legge in una notta della Diocesi - il divieto di scendere per strada o davanti ai portoni di casa. Lungo l’itinerario si potranno esporre alle finestre drappi rossi o bianchi per mostrare partecipazione. Il passaggio non prevede canti o preghiere ma sarà vissuto in silenzio (atteggiamento proprio del Venerdì santo). Esso sarà annunciato solo dal suono delle sirene dei mezzi che faranno da scorta. All’arrivo in Cattedrale seguirà la preghiera finale e la benedizione, anche qui assolutamente senza concorso di fedeli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

  • Homepage
  • Ultim'ora
  • Cronaca
  • Zone e Quartieri
  • Sport
  • Politica
  • Eventi
  • Cinema
  • Economia e Lavoro
  • Salute
  • Attualità
  • Ambiente
  • Video
  • Foto
  • Notizie dall'Italia
  • Meteo
  • Segnalazioni
  • Opinioni
SalernoToday è in caricamento