menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vertenza OperBingo, chiuso l'accordo a Roma: nessun licenziamento

Il segretario regionale della Cisal Terziario Giovanni Giudice: "I lavoratori hanno agito responsabilmente. Questi mesi di lotta ci hanno consentito di salvare i posti di lavoro nelle due sale salernitane"

Trovata l'intesa, i lavoratori possono tirare un sospiro di sollievo. E' stato sottoscritto ieri, nel corso di una riunione a Roma, l'accordo tra la Operbingo e la Cisal Terziario per quel che riguarda i lavoratori delle sale bingo salernitane di Pastena e Fratte. Nessun licenziamento, dunque, per i dipendenti che,  per mesi, hanno dovuto convivere con il timore di perdere il lavoro a causa della decisione dell'azienda, alla luce di alcune difficoltà di carattere economico-finanziario, di chiudere i battenti delle due strutture con sede a Salerno. Circostanza che, grazie alla battaglia dei lavoratori stessi e del sindacato, non si verificherà.

Per quanto riguarda le sale di Salerno, le parti hanno concordato che il loro mantenimento sia subordinato alla riduzione del 25% delle ore lavorate sulle due salernitane, con l'unificazione dei turni di lavoro. La riduzione oraria avrà 36 mesi di validità a far data dal prossimo 1 febbraio 2017. Via libera anche agli incentivi all'esodo con i dipendenti che dovranno comunicare la propria volontà di usufruire di questo provvedimento entro il prossimo 18 dicembre. L'azienda, a tal proposito, erogherà fino a 11 mensilità lorde a cui si aggiungeranno anche altri 4mila euro per coloro che comunicheranno la mancata opposizione al licenziamento. Inoltre, per ogni figlio a carico verranno riconosciuti altri 1.000 euro. Cambiano anche mansioni e livelli; un cambiamento a cui società e sindacato hanno ritenuto opportuno far fronte con un importo economico a titolo di superminimo non assorbibile che vada a compensare le riduzioni derivanti dai nuovi inquadramenti aziendali.

Le parti hanno già fissato un prossimo incontro per il 23 dicembre mentre entro la fine del mese di febbraio 2017 si terrà una riunione per tracciare un primo bilancio dei provvedimenti adottati. Soddisfatto il segretario regionale della Cisal Terziario Giovanni Giudice che, fin da subito, si è schierato al fianco dei lavoratori delle sale bingo di Salerno: “I licenziamenti sono stati finalmente scongiurati, con la chiusura, dopo mesi di lotta, di un accordo quadro con la società. Valutiamo positivamente il raggiungimento dell'accordo ma non possiamo non rimarcare che ancora una volta, nelle ristrutturazione aziendali, pagano sempre i più deboli”. Un ruolo chiave è stato svolto anche dai lavoratori: «Un plauso va certamente ai lavoratori - sottolinea Giudice - che hanno deciso di rinunciare ad una parte del salario per garantire all'azienda di rimanere su piazza. L'accordo dovrà dunque servire a rilanciare la società dal punto di vista economico, con la speranza che, da qui ai prossimi 3 anni, la situazione torni quella di prima e che i lavoratori non siano chiamati a ulteriori sacrifici”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Salerno: San Matteo ed il miracolo dei leoni del Duomo

Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento