menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vigili "promossi" alla Regione, sindacati e Più Europa: "Basta accanimento"

Esplode la polemica dopo la notizia dell'apertura dell'inchiesta da parte della Procura di Napoli (che vede indagato il governatore De Luca) e della Corte dei Conti

Sindacati e partiti si schierano al fianco dei vigili urbani di Salerno finiti nell’occhio del ciclone dopo l' inchiesta aperta dalla Procura di Napoli e dalla Corte dei Conti che vede indagato il governatore della Campania Vincenzo De Luca. 

I sindacati  

Sulla questione è intervenuto il segretario della Csa provinciale Angelo Rispoli: “Ci troviamo davanti a una campagna elettorale dal clima avvelenato. Un clima così negativo che la stampa, dimenticando le proprie regole deontologiche, ha deciso di inserire i nomi di quattro lavoratori non indagati dalla Procura di Napoli ma che hanno la colpa di aver accettato un incarico fiduciario con un relativo aumento di stipendio. L'aumento di stipendio è temporaneo, vista la natura della nomina, quello che resterà sono i nomi dei colleghi finiti su diverse edizioni, online e cartacee, di testate giornalistiche. Una gogna di cui potevamo fare a meno, poiché, lo ribadisco, i quattro agenti in questa inchiesta sono stati ascoltati solo per sommarie informazioni testimoniali. Se il bersaglio è la politica, stavolta sono stati colpiti dei lavoratori. Ecco perché chiedo a tutti i candidati di abbassare i toni fino al termine di questa campagna elettorale. La magistratura farà il suo compito. Evitiamo processi a persone che non sono nemmeno indagate. Basta cercare lo scandalo per colpire chi invece ha operato nella trasparenza. Esprimo anche la mia solidarietà al presidente De Luca per questo tentativo di mettere pietre di inciampo in questa sua campagna elettorale. Gli va dato atto che in questi anni ha fatto molte cose”.

"Non volendo entrare nel novero delle polemiche, perché facciamo sindacato e continuiamo a farlo anche in questo periodo difficile. Nonostante ciò, però, prendiamo le difese dei colleghi che, all'improvviso, si sono trovati a leggere i loro nomi sulle cronache nazionali e regionali" gli fa eco Donato Salvato, segretario generale della Uil Fpl Salerno. "Ma il giornalismo, tra le sue regole, non aveva anche quella di omettere i nomi delle persone non indagate e ascoltate dai magistrati a sommarie informazioni testimoniali? Cosa è cambiato? Magari "pagano" una certa vicinanza a una determinata parte politica? In attesa che qualcuno risponda a queste domande, e che la magistratura tenga conto di ciò che è accaduto in questi giorni sugli organi di informazione, vorremmo capire perché un vigile urbano deve essere etichettato come "favorito" solo perché ha ricevuto un incarico fiduciario. Quell'incarico, infatti, terminerà una volta concluso il mandato politico di chi l'ha conferito. Si tratta sì di un aumento di stipendio, ma temporaneo. Quei nomi, scritti a caratteri cubitali dalla stampa, influiscono sulla vita di famiglie intere. Fare il sindacato, ci impone anche di avviare una seria riflessione su questo. Deve essere chiaro un concetto: il lavoratore va rispettato sempre e comunque. In particolar modo i dipendenti pubblici, che hanno responsabilità importanti e devono essere tutelati se fanno il proprio lavoro con onestà e professionalità. Non si può "sbattere il mostro in prima pagina" perché fa tendenza la figura del "fannullone". Le decisioni politiche sono un'altra cosa. A determinare eventuali responsabilità ci penserà la magistratura. Ora c'è solo un dato di fatto: quattro agenti della Municipale di Salerno sono finiti sui giornali, con nome e cognome, senza aver mai ricevuto un avviso di garanzia".

La politica

Intanto Antonio Genua, candidato con Più Campania in Europa, a sostegno di De Luca, per le prossime elezioni regionali: “Mi impegnerò con Più Campania in Europa per la polizia municipale, affinché la Regione approvi interventi e stanzi nuove risorse in favore di questi dipendenti pubblici. Inoltre, insieme ad alcuni dei responsabili degli organi nazionali del partito, è allo studio un progetto di legge da presentare in Parlamento per rimuovere le disparità di trattamento tra gli agenti della polizia municipale e quelli delle altre forze di polizia. Spesso viene sottovalutato il contributo dei vigili urbani, gli operatori più prossimi ai cittadini e alla vita quotidiana. Per molti anni ho lavorato nella pubblica amministrazione, occupandomi peraltro anche di polizia municipale, e ho toccato con mano le questioni da risolvere. A partire dalla legge 65 del 1986 e con numerose altre disposizioni legislative, il legislatore ha sempre più equiparato la funzione della polizia municipale a quella delle altre forze di polizia, assegnandole gli stessi doveri, senza tuttavia riconoscerle gli stessi diritti. Pertanto, occorre intervenire per valorizzare e sostenere concretamente la polizia locale, da sempre fondamentale per la sicurezza e l’ordine dei nostri territori” conclude Genua. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Bonus affitto 2021: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento