Cronaca

Voleva lavorare in campagna: violentata a San Marzano

Un ennesimo episodio di atroce violenza ai danni di una giovane donna, si è consumato nella nostra provincia. Una giovane marocchina, infatti, dopo aver raccolto dei pomodori, è stata violentata e malmenata

violenza

Aveva concordato una giornata di lavoro in campagna, per la raccolta di pomodori, ma è stata ingannata e violentata senza pietà. E' accaduto martedì, a San Marzano sul Sarno, ad una giovane marocchina che ha subito un umiliante abuso da un suo connazionale M.A. di trent'anni. L'uomo, infatti, invece di portarla in campagna per permetterle di lavorare, l'ha condotta a casa sua, chiudendo la porta a chiave e minacciandola con un coltello per consumare il rapporto sessuale.

A nulla sono serviti i tentativi di rifiuto della donna che ha subito, proprio per le sue resistenze, innumerevoli percosse. Dopo aver abusato della povera ragazza, l'uomo le ha permesso di abbandonare l'abitazione, non prima di averla minacciata di morte affinchè non parlasse dell'accaduto. Ma la giovane, coraggiosamente, ha denunciato l'uomo ai carabinieri che hanno immediatamente arrestato il trentenne.



 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Voleva lavorare in campagna: violentata a San Marzano

SalernoToday è in caricamento