Cronaca

Rovella, picchia la moglie incinta e le provoca un parto prematuro: allontanato

Protagonista un 47enne che, in preda ai fumi dell'alcool, picchiava continuamente moglie e figli. La donna, gravida, è stata costretta mesi fa ad un parto prematuro

Prende la moglie a calci e pugni in maniera così violenta da provocarle un "parto prematuro": la triste e agghiacciante storia di violenza è stata resa nota dai carabinieri della compagnia di Battipaglia, agli ordini del capitano Giuseppe Costa.

Protagonisti, loro malgrado, dell'ennesimo grave episodio di violenza all'interno delle mura domestiche una 37enne di Montecorvino Rovella, ripetutamente pochiata, così come i suoi tre figli, dal marito 47enne, particolarmente violento - riferiscono i carabinieri e quasi sempre in preda ai fumi dell'alcool. L'uomo, si legge in una nota dei militari, non perdeva occasione per scaricare tutta la sua furia sui componenti della famiglia.

L'episodio più grave, che ha poi permesso ai carabinieri della stazione di Montecorvino Rovella (diretti dal maresciallo Angelo Solimene) si è verificato lo scorso settembre: il marito, nonostante la moglie fosse in avanzato stato di gravidanza, l'ha presa a calci e pugni mandandola all'ospedale: i medici sono stati costretti ad asportare la milza alla donna e a praticare "un parto prematuro".

La struttura sanitaria ha cosi allertato i carabinieri che hanno avviato gli accertamenti i cui esiti sono stati rassegnati alla procura della Repubblica che ha richiesto ed ottenuto dal giudice per le indagini preliminari un provvedimento cautelare nei confronti dell’uomo, al quale è stato applicato il divieto di dimora in tutti i comuni della provincia di Salerno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rovella, picchia la moglie incinta e le provoca un parto prematuro: allontanato

SalernoToday è in caricamento