"Picchiata e violentata da mio marito": donna rischia il processo per calunnia

Per la 30enne, originaria di Castel San Giorgio, la Procura di Nocera Inferiore ha chiesto il rinvio a giudizio

 Aveva accusato il marito di averla picchiata e violentata, ma era tutto falso. Per questo ora una donna di 30 anni, di Castel San Giorgio, rischia di essere processata con l’accusa di calunnia. La Procura di Nocera Inferiore, infatti, ne ha chiesto il rinvio a giudizio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La storia

Tutto è nato dal racconto fatto dalla donna ai carabinieri, il 10 agosto del 2016, i quali, però, hanno accertato che non suoi confronti non vi è stata alcuna violenza, neanche di tipo sessuale, da parte del coniuge all’interno della loro abitazione. Calci, pugni e spintoni da lei descritti di cui non sono stati trovati riscontri nel corso delle indagini. E ora è lei che rischia di finire sul banco degli imputati. Toccherà al Gup stabilire l’eventuale processo a suo carico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Mondragone tra risse e feriti: alcuni bulgari in fuga verso il salernitano

  • "Salerno non è turistica: ha solo la fortuna di essere tra 2 costiere", la amara denuncia di un lettore

  • Siano grida al miracolo, la Madonna "appare" in chiesa: parla il sindaco

  • Paziente infetta dimessa dall'ospedale: blitz dei carabinieri a Polla

  • Svuotava le slot machine con il trucco del "pesciolino": arrestato 19enne salernitano

  • Caso sospetto di Covid-19 a Salerno, medico del 118 in isolamento

Torna su
SalernoToday è in caricamento