Osteoporosi e prevenzione: visite gratuite in città, ecco come effettuarle

Ottobre, mese dedicato alla salute delle ossa delle donne italiane con la campagna di O.N.Da, l'Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna

Ruggi

Ottobre è il mese dedicato alla salute delle ossa delle donne. Anche tre strutture ospedaliere della nostra provincia hanno conquistato il "bollino rosa" aderendo all'iniziativa istituita dall'Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna. Si tratta del San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno, del Santa Maria Incoronata dell'Olmo di Cava de'Tirreni e del Fucito di Mercato San Severino che offriranno alle interessate visite gratuite per prevenire l'osteoporosi.

In particolare, verranno effettuati controlli ortopedici, reumatologici, ginecologici e dietistici. "L'osteoporosi è la più diffusa patologia a carico del sistema scheletrico, caratterizzata dalla progressiva diminuizione della massa scheletrica e dal deterioramento della struttura ossea. Ciò soprattutto a carico di vertebre, femore e polso - spiegano dall'Osservatorio - Così come per l'ipertensione e l'ipercolesterolemia, l'osteoporosi è una malattia silenziosa che può progredire per diversi anni fino alla diagnosi o finchè avviene una frattura: colpisce il 33% delle donne tra i 60 e i 70 anni di età, il 66% di quelle al di sopra degli 80 anni ed è relativamente meno diffusa negli uomini (20%)". Per ulteriori informazioni: Bollinirosa.it

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Incidente mortale a Baronissi, il ragazzo che guidava interrogato dal gip: "Non ricordo nulla"

  • Via Pietro del Pezzo: rissa in pizzeria, intervengono i carabinieri

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Delitto di Baronissi, l'imputato "cosciente ma con disturbi della personalità"

  • Allaccio abusivo all'energia elettrica: torna libero il titolare del "Giardino degli Dei"

Torna su
SalernoToday è in caricamento