Voto di scambio a Cava de' Tirreni: indagato anche l'ex vice sindaco Polichetti

Il politico si sarebbe rivolto direttamente a Dante Zullo, esponente della criminalità locale, con alle spalle condanne per usura ed estorsione, per riuscire ad essere eletto nell'assise municipale.

Il Comune di Cava de' Tirreni

Avrebbe cercato il supporto della criminalità organizzata per ottenere preferenze alle ultime elezioni comunali di Cava de’ Tirreni. E’ questa l’accusa della Direzione Investigativa Antimafia di Salerno nei confronti di Enrico Polichetti, ex vice sindaco del comune metelliano, il quale si sarebbe rivolto direttamente a Dante Zullo, esponente della criminalità locale, con alle spalle condanne per usura ed estorsione, per riuscire ad essere eletto nell'assise municipale.

Le indagini

Il tramite tra i due sarebbe stato Antonio Santoriello, marito di Elvira Zullo, nipote di Dante. L’obiettivo era il sostegno elettorale in cambio dell’affidamento ad una cooperativa di ex detenuti di servizi di competenza del Municipio. Polichetti risultò il primo degli eletti con oltre 650 preferenze e questo per il pm della DDA Vincenzo Senatore basta a configurare lo scambio elettorale-politico mafioso. Nel mirino degli inquirenti anche  un funzionario comunale. Nelle ultime ore, ai diretti interessati, sono stati notificati gli avvisi di garanzia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inchiesta

Nell’ambito dell’inchiesta sono state eseguite 14 ordinanze di custodia cautelare (11 in carcere e 3 agli arresti domiciliari) per associazione a delinquere di stampo camorristico, associazione semplice, usura pluriaggravata, estorsione aggravata dal metodo mafioso, associazione finalizzata alla vendita e cessione di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi da sparo. Inoltre sono state eseguite ben 52 perquisizioni domiciliari che hanno riguardato complessivamente 47 indagati e altre 5 persone. A svolgere l’operazione sono stati i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Salerno e del Commissariato di Cava de’ Tirreni, insieme a personale del Reparto Territoriale dei Carabinieri di Nocera Inferiore e della Direzione Investigativa Antimafia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

  • Tromba marina devasta Salerno: alberi sradicati e tegole volanti, paura al "Galiziano"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento