menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della manifestazione - foto Facebook

Un momento della manifestazione - foto Facebook

Angri: interrotto il concerto di "O Zulù", l'appello di Braccia Aperte Onlus

Durante la serata inaugurale del "Festival della Solidarietà Braccia Aperte for Africa", che si è tenuta ieri ad Angri, il concerto di O Zulù è stato interrotto a causa dell'ordinanza che impone il limite temporale per la diffusione sonora

Durante la serata inaugurale del Festival della Solidarietà Braccia Aperte for Africa, che si è tenuta ieri ad Angri, il concerto di O Zulù è stato interrotto a causa dell'ordinanza che impone il limite temporale per la diffusione sonora entro la mezzanotte. L'evento, naturalmente, ha impietrito gli organizzatori e gli spettatori, giunti anche da fuori città per assistere al concerto.

L'appello dell'organizzazione

"Ci saremmo augurati un esordio diverso per la prima serata del Festival della Solidarietà. Tutta la fatica, il tempo e il denaro investito hanno rischiato di sfumare a causa di un limite temporale la diffusione sonora, stabilito entro mezzanotte, che siamo consapevoli sia imposto da un'ordinanza - spiegano dall'organizzazione - Eppure vista la portata straordinaria della manifestazione e il grande entusiasmo del pubblico accorsoper gli artisti, Foja, 'O Zulu e Francesco Di Bella, avremmo sperato in un appoggio maggiore da parte dell'amministrazione, che abbiamo avuto nuovamente dimostrazione sta mancando. Ci assumiamo la responsabilità dell'accaduto di ieri sera, che questa mattina ci è costata anche una denuncia penale, ma resta una fortissima amarezza. Nonostante il disagio enorme che lo stop imposto all'esibizione di 'O Zulù 99 minuti live ci ha creato, con il pubblico inferocito a causa dell'interruzione del concerto a pochi minuti dall'inizio, non abbiamo in alcun modo aizzato la folla, coerenti con i valori positivi da cui siamo spinti ad agire nel quotidiano con la nostra Onlus, e in particolare per questo festival in cui la solidarietà è la protagonista assoluta". Gli organizzatori, quindi, auspicano che il sindaco Cosimo Ferraioli produca una deroga all'ordinanza che permetta di proseguire gli spettacoli di stasera e domani oltre la mezzanotte. "In virtù dell’ordinanza n. 227 del 2015 il sindaco è, infatti, l’unico a poter disporre con propria ordinanza eventuali deroghe in occasioni di particolari eventi, manifestazioni, festività, anche con riferimento a determinate zone della città - incalzano - Ci auguriamo, dunque, che l’amministrazione almeno adesso ci dia un segnale propositivo al fine di agevolare una manifestazione umanitaria che attira nella città di Angri centinaia di persone provenienti da tutta la provincia e oltre, con giovamenti per i commercianti e la cittadinanza che può godere a titolo totalmente gratuito di spettacoli di artisti di rilievo nel panorama della musica italiana. Ringraziamo le centinaia di persone accorse ieri, che hanno contribuito a rendere speciale la serata riempiendo i giardini di Villa Doria. Stasera si continua, più forti che mai, con i concerti di Almamegretta Dub_box, Gnut sul palco insieme alla special guest Alessio Sollo e gli Epo. Chiediamo a tutti i nostri sostenitori di starci vicini ora più che mai e di accorrere numerosi questa sera e domani, perché se la musica si può fermare, non si arresta il treno della Solidarietà" concludono.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento