rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Economia

Stangata IPT, Federconsumatori: "Attenzione alle cartelle da pagare"

L'Imposta Provinciale sui Trasporti è retroattiva nella Finanziaria 2007. Pioggia di avvisi di pagamento per i salernitani che, disorientati, si stanno rivolgendo all'associazione per la tutela degli utenti

Disorientamento e sconcerto tra i salernitani che, in questi giorni, stanno "incassando" avvisi di pagamento per l' Imposta Provinciale sui Trasporti, relativi ai primi mesi del 2007. "Chi, agli inizi del 2007, ha acquistato un'auto o una moto, nuova o usata, oggi scopre che la Provincia batte cassa: solo adesso scopriamo, infatti, che si è soggetti ad una differenza sull'imposta di trascrizione già pagata all'epoca, per un aumento dal 20 al 30% della tariffa base – ha spiegato la consulente legale di Federconsumatori, Marcella Luongo - L'operazione trova a monte l'avallo tecnico del Legislatore che, con la Finanziaria 2007, consentì aumenti fino al 30% dell 'IPT, prevedendo che questo potesse essere deliberato entro il 31 marzo 2007, in concomitanza della data ultima di approvazione del bilancio di previsione dell'Ente, ma con efficacia retroattiva al 1° gennaio 2007."

Alla  norma che istituisce l' Imposta Provinciale sui Trasporti, prevedendo che l'aumento tariffario interessi le immatricolazioni e gli atti formati dalla notifica della stessa, è seguita la diffusione di una nota del Ministero dell'Economia (Nota Prot. n. 20957/2007/UFF del 17 luglio 2007), per chiarire la retroattività. Non solo il danno, ma anche la beffa, dunque, per i consumatori che, alla luce della nota ministeriale, hanno ben poco cui appigliarsi per far fronte alla situazione. "Il problema è così sanato solo in apparenza e per noi resta irrisolto: fino a quando il diritto può essere abusato, e fin dove si può spingere il legislatore? – incalza adirato il presidente di Federconsumatori Salerno, Peppe Sorrentino - Non riteniamo assolutamente che questo comportamento sia ammissibile".

Mentre l'associazione sta valutando la migliore strada da seguire per tutelare i consumatori, ai cittadini non resta che pagare le integrazioni richieste sugli avvisi, stando ben attenti a verificare l'assenza di applicazione di interessi o sanzioni che "sarebbero del tutto illegittimi e non dovuti", concludono da Federconsumatori. Per uteriori informazioni: federconsumatori@consumatorisalerno.it

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stangata IPT, Federconsumatori: "Attenzione alle cartelle da pagare"

SalernoToday è in caricamento