menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Latte

Latte

Stangata sul latte: aumenti del 22% rispetto allo scorso anno, l'allarme della Coldiretti

Il prezzo da stalla a settembre raggiunge il massimo storico di sempre toccando i 51,3 centesimi al litro: la denuncia della Coldiretti

Stangata sul latte: il prezzo alla stalla per l''oro bianco', denunciano da Coldiretti Campania, ha raggiunto a settembre il massimo storico di sempre toccando i 51,3 centesimi al litro. E come effetto, subito il crollo della produzione nella nostra regione del 4,89%. ''Si tratta - spiegano presidente e il direttore di Coldiretti Campania, Gennarino Masiello e Prisco Lucio Sorbo - del valore massimo mai registrato con un aumento del 22% rispetto allo scorso anno. In questo modo si stanno mettendo in ginocchio tanti nostri produttori con il rischio aggiuntivo che sui nostri mercati arrivino prodotti la cui qualità non è rigorosamente garantita''.

A quanto pare, l'andamento crescente delle quotazioni è stato determinato a livello internazionale dalla scarsità dell'offerta nei principali Paesi produttori e questo ha condizionato anche le importazioni in Italia. ''Inoltre - spiegano Masiello e Sorbo - è in calo il latte raccolto e l'andamento delle quotazioni sta garantendo ingiustificate rendite speculative alle industrie di trasformazione con ingiustificati guadagni per l'industria a danno degli allevatori costretti ad affrontare un aumento stellare dei costi energetici e dell'alimentazione del bestiame''. Dall'inizio della crisi nel 2007 a oggi hanno chiuso oltre seimila allevamenti e nei circa 39mila allevamenti rimasti la produzione, nei primi sei mesi del 2013, si è ridotta in media di oltre il 3% rispetto allo scorso anno con picchi in Campania che sfiorano il 5%. Una situazione decisamente allarmante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento