menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Economia, l'azienda Mutti investe nell'area del Cratere: 150 posti di lavoro

Il gruppo conserviero emiliano sbarca nell'area del Comune di Oliveto Citra: prevista la trasformazione di 30 mila tonnellate di pomodoro. Soddisfatta la Cisl

L'azienda Mutti, leader del distretto pomodoricolo del Nord, sceglie di investire a sud della provincia di Salerno ben 3,5 milioni di euro per prendere due lotti di 20 mila metri quadrati, nell'area Asi di Oliveto Citra e dare impiego a 150 lavoratori stagionali. Ad annunciarlo è stato l'amministratore delegato dell'azienda, Francesco Mutti, a margine di una conferenza stampa svoltasi nella sede dell'Asi di Salerno alla presenza del presidente Gianluigi Cassandra. "Il nostro obiettivo - ha spiegato Mutti - è bilanciare la produzione tra gli stabilimenti del Nord e del Sud costruendo un percorso di eccellenza che ci consenta una crescita costante in termini soprattutto di qualità". Soddisfatto Cassandra: "E' il completamento di un lavoro di promozione dell'area industriale del Cratere. Con l'insediamento di questa importante azienda del Nord è prevedibile la crescita del comparto agroalimentare nel Salernitano".

Giudizi positivi arrivando anche dal mondo sindacale, a partire dalla Cisl. "Finalmente una buona notizia per l'economia salernitana: dopo tante chiusure di aziende l'apertura di un importante stabilimento, quello targato Mutti, prestigioso marchio nazionale dell'agroalimentare, che ha deciso di effettuare un investimento in provincia di Salerno" dichiara il segretario generale Matteo Buono. "La decisione del Gruppo Mutti è una iniezione di fiducia per tutto il nostro territorio - continua Buono - anche se vanno rimarcate le oggettive carenze di sicurezza, viabilità e pulizia che interessano numerosi siti produttivi della provincia di Salerno dove le amministrazioni Locali potrebbero fare meglio, anche attraverso l'utilizzo di finanziamenti regionali, per creare una maggiore attrattività dei nostri territori per chi, oggi, intende effettuare investimenti produttivi".

Per Buono "c'è bisogno di esportare una immagine positiva del Salernitano ed in questa direzione un ringraziamento va al presidente dell'Asi Cassandra che sta svolgendo, tra mille difficoltà, un ottimo lavoro. Adesso si deve avviare un impegno di tutte le forze sociali del territorio per difendere le attività produttive presenti ed ancora operative. Dalla città di Salerno a tutte le altre zone industriali della Provincia: è il momento - conclude - di creare un fronte comune per scongiurare altre chiusure, per evitare la perdita di altri posti di lavoro, per fermare la desertificazione industriale e produttiva della nostra terra". 

  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Segnalazioni

Degrado a Salerno: persone rovistano di notte nei rifiuti, la denuncia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento