Addio a Beechic, chiude i battenti il ristorante itinerante della Costiera: la lettera del titolare

Solidarietà per Alfonso Ferrara, titolare di Beechic, realtà di ristorazione itinerante della Costiera Amalfitana che ha annunciato di cessare l'attività

Foto Fb

"Ho dato tutto me stesso in questa attività, lavorando con onestà, mettendo voi al  centro prima di ogni altra cosa perche è l'unico modo che conosco di lavorare.  Ma l'incertezza nel potermi fermare, il sentirmi come un delinquente e in ultimo le  richieste del mio socio mi hanno portato a questa inevitabile decisione". Lo ha scritto Alfonso Ferrara, titolare di Beechic, realtà di ristorazione itinerante della Costiera Amalfitana che ha annunciato di cessare l'attività. A spiegare le sue ragioni, lo stesso Ferrara, in una lettera pubblicata da Il Vescovado:

Mi chiamo Alfonso Ferrara, da due anni insieme ad un mio collega inglese abbiamo lasciato i rispettivi posti di lavoro come dipendenti di albergo per dare inizio al  nostro sogno, un progetto molto particolare e difficile di ristorazione ambulante. La nostra decisione è scaturita da un forte desiderio di mettersi in discussione ma anche dalla precarietà del lavoro stagionale in costiera e non ultimo l'ennesimo  danneggiamento, legga dimezzamento del sussidio di disoccupazione con la NASPI.

Ci siamo resi conto che era arrivato il momento di farsi coraggio e mettersi in proprio. Come tutte le attività che aprono in Italia abbiamo avuto non poche difficoltà nel poterci esprimere purtroppo come Lei ben sa la burocrazia non aiuta, ancora di più  nel nostro caso che rientriamo nella categoria degli ambulanti. Fortunatamente sin da subito il Sindaco di Praiano, entusiasta di questa iniziativa, conoscendo la nostra professionalità ci ha dato la possibilità di poter operare  inquadrandoci come una vera e propria attrazione turistica vista la caratteristica del mezzo, un Ape vintage con il quale svolgiamo la nostra professione. Da quest'anno qualcosa è cambiato, infatti anche a Maiori, mio paese di origine hanno adeguato il regolamento e ci hanno concesso due giorni a settimana, Sabato e Domenica, diventando finalmente ambulanti, non ad ore ma a giorni, che era quello che chiedevamo e chiediamo agli altri amministratori. Il nostro intento infatti è essere ambulanti, ma purtroppo visto le nostre caratteristiche non riusciamo ad esserlo ad ore, considerando che per aprire e chiudere  impieghiamo quasi 1 ora. Il nostro intento è poterci spostare nei vari paesi della costiera con un vero e proprio calendario programmato. Le preoccupazioni e problematiche delle amministrazioni che abbiamo riscontrato sono l'eventualità di una concorrenza con le attività in loco, tengo a precisare che  noi serviamo prodotti preparati in modo molto particolare, diversi dalla classica cucina mediterranea definendoci "Confucion Food" e ad un anno dalla nostra apertura  non siamo mai andati in conflitto con le altre attività, anzi in molti casi siamo stati un valore aggiunto: Per le caratteristiche estetiche del veicolo molte persone incuriosite si fermano, magari destinati ad altri luoghi. Il veicolo estremamente piccolo non consente di soddisfare tutte le esigenze dei clienti che di conseguenza devono riversarsi nelle attività limitrofe. In un anno abbiamo ricevuto diversi articoli su quotidiani, siamo stati inseriti in una trasmissione televisiva estera che ci sta dando visibilità in tutto il  mondo, siamo stati selezionati su due guide una estera dedicata a clienti di target medio alti e negli ultimi giorni anche sulla guida di Repubblica del 2018.

Tutto ciò ci ha dato grande visibilità ma paradossalmente abbiamo difficoltà ad esprimerci se i comuni non ci accolgono. Dopo tutto questo preambolo, vengo al dunque: il mio socio non ha retto alle tante difficoltà ed ha abbandonato il progetto, ed io prima di vedere infranto un sogno ho  lottato per un ultimo tentativo, ma mio malgrado sarò costretto ad interrompere questa attività. Quello che ho chiesto agli amministratori è stato atto di coraggio nei confronti di un giovane che ha lasciato un lavoro stagionale, sì, ma sicuro, investendo una  cifra considerevole per realizzare il proprio sogno e fare impresa. Mi ero illuso perché spesso i politici parlano della creazione di nuovi posti di lavoro, che si devono spronare i giovani ad investire in nuove attività con nuove  idee, ma poi quando uno si mette in gioco trova davanti a sé un muro invalicabile, la burocrazia e la difesa di qualche interesse personale, a volte puramente  elettorale.

Agli amministratori della costiera ho chiesto di essere lungimiranti, di darmi possibilità, permettendomi di svolgere ciò che so fare, nel pieno rispetto delle regole. Vi ringrazio per l'attenzione e Vi porgo distinti saluti. Colgo l'occasione per ringraziare chi mi ha sostenuto in questo viaggio, mia moglie la mia famiglia ed i numerosi ospiti che hanno condiviso la mia follia.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Sant'Egidio, donna muore folgorata nella doccia

  • Colto da malore mentre l'amico fa benzina: muore 30enne a San Mango Piemonte

  • Morto investito da un treno, la sorella: "Vorrei abbracciare chi ha avuto il cuore di mio fratello"

  • Paura nel Golfo di Policastro, registrate quattro scosse di terremoto in mare

  • Incidente sulla Cilentana, muore anche la 17enne di Albanella

  • Incidente a Cassino, grave don Antonio Agovino di Sarno: i fedeli si riuniscono in preghiera

Torna su
SalernoToday è in caricamento