Castel San Giorgio, nasce un'azienda per la produzione di legumi in scatola

Il programma d'investimento è stato presentato a Invitalia - e avviato con la firma del Contratto di sviluppo -, da Italia Meal srl, azienda di San Marzano sul Sarno, attiva nel settore della produzione e conservazione di legumi

Un opificio industriale dismesso diventerà uno stabilimento per la produzione, la lavorazione e la commercializzazione di legumi in scatola. Il progetto sorgerà a Castel San Giorgio grazie a un investimento di circa 26 milioni di euro. Il programma d'investimento è stato presentato a Invitalia - e avviato con la firma del Contratto di sviluppo -, da Italia Meal srl, azienda di San Marzano sul Sarno, attiva nel settore della produzione e conservazione dilegumi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto

La società, guidata dalla famiglia Attianese attiva anche nel settore delle conserve di pomodoro, nel 2018 ha registrato un fatturato di 12,8 milioni di euro. Adesso incrementerà la gamma dei prodotti offerti e concentrerà tutte le produzioni nel nuovo stabilimento, con un incremento occupazionale previsto d i41 nuovi addetti. In linea con la stima sui prossimi 5 anni, in cui si prevede un aumento dei consumi di prodotti vegetali del 27%, è previsto anche un progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale per la realizzazione di nuovi prodotti "ready to eat" di maggiore valore nutrizionale e salutistico rispetto a quelli gia' realizzati. Gli investimenti complessivi sono paria 25,8 milioni di euro, di cui 24 milioni di euro per l'investimento produttivo e 1,8 milioni relativi al progetto di R&S. Invitalia finanzia il progetto industriale con16,2 milioni di euro di agevolazioni (11,4 a fondo perduto e 4,8 con mutuo agevolato) e un contributo alla spesa quasi 600mila euro per il progetto di R&S. "Il contratto di sviluppo utilizzato da Italia Meal - dichiara Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia - si conferma un incentivo che opera in funzione delle esigenze di capitali della grande impresa che investe e consente a Invitalia di affiancare le aziende e le loro strategie quando il mercato manifesta una domanda crescente"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: più smart working e nuova stretta sui ristoranti, possibile freno alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento