Covid e crisi: il Nettuno e numerosi locali abbassano le saracinesche, "no" allo shopping natalizio

In base alle norme vigenti per la zona rossa, infatti, quei prodotti non potranno essere venduti per il momento, in quanto beni non essenziali

Si abbassano numerose saracinesche a Salerno, a causa dell'emergenza Covid-19. Non solo quelle costrette a farlo per le disposizioni del decreto, ma anche molti locali che, con la stretta sugli orari e con le uniche opzioni di asporto e consegna a domicilio concesse, non riescono a reggere.

Le chiusure

Per iniziare, a pochi giorni dalla riapertura dopo la sanificazione, chiude i battenti il bar Nettuno: "Speriamo di poter tornare presto in attività così da potervi nuovamente coccolare con la nostra brioche col gelato", hanno detto i gestori. Chiusi anche numerosi locali cittadini, tra cui la pizzeria Capri, Comm'accetta, i pub King's Cross, Black roses ed altri esercizi.

No allo shopping natalizio

Beffa, come se non bastasse, per i negozi di cartoleria e di altri generi necessari che avevano acquistato oggettistica natalizia: in base alle norme vigenti per la zona rossa, infatti, quei prodotti non potranno essere venduti per il momento, in quanto beni non essenziali. Dunque, la merce che avrebbe potuto fornire una boccata d'ossigeno agli esercenti, stuzzicando curiosità e la voglia del Natale degli acquirenti, sono destinati a restare in vetrina, almeno fino a fine novembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

Torna su
SalernoToday è in caricamento