rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Economia

Crisi Cstp Salerno, nominati i commissari liquidatori

Sono il presidente Mario Santocchio, il presidente dell'ordine degli avvocati di Nocera Inferiore Aniello Cosimato e l'ingegnere Silvano Cavaliere

Sono stati nominati, nell'assemblea dei soci tenutasi presso la sede Cstp di piazza Matteo Luciani, i commissari liquidatori del consorzio salernitano trasporti pubblici. Oltre a Mario Santocchio, attuale presidente dell'azienda, ci sono il presidente del consiglio dell'ordine degli avvocati di Nocera Inferiore Aniello Cosimato e l'ingegnere Silvano Cavaliere. A loro l'arduo compito di salvare il Cstp garantendo i lavoratori e tutelando il servizio di trasporto pubblico locale.

IL COMMENTO DI GENNARO MUCCIOLO - Sulla vicenda Cstp ha detto la sua anche il consigliere regionale Gennaro Mucciolo: "Il Cstp non può, non deve morire. Sarebbe un disastro per gran parte del sistema trasporti in provincia di Salerno, con disservizi enormi a partire da quello scolastico, per non parlare poi dei rischi occupazionali diretti e dell'indotto". Mucciolo ha proseguito: "Servono atti di responsabilità istituzionale. De Luca e Cirielli si incontrino per trovare insieme soluzioni e non proporre piani che entrambi per motivi, certamente non istituzionali, bocciano a vicenda. La Regione poi, mentre nello spazio di un anno toglie la somma di 9 milioni al Cstp, rendendo difficilissima la quadratura del bilancio, elargisce non più di qualche giorno fa ulteriori 20 milioni alla Circumvesuviana e alla SEPSA di Napoli per evitarne il collasso immediato ma sicuro nel tempo. Servono interventi strutturali non interventi tampone. La Regione Campania, lo ribadisco per l'ennesima volta, non è solo Napoli e provincia. E' un atteggiamento che questo governo ha elevato a sistema, francamente non più tollerabile".

QUI SERGIO VETRELLA - Sulla sua pagina facebook, a proposito del Cstp, si è espresso anche l'assessore regionale ai trasporti Sergio Vetrella: "Chi continua a dire che la Regione privilegia Napoli e provincia invece di Salerno perché ha messo a disposizione 20 milioni per il gruppo Eav è completamente fuori strada, poiché innanzitutto confonde i fondi di investimento con quelli di gestione e ignora che in ogni caso le risorse si possono dare solo in presenza di un piano di risanamento".

Vetrella ha aggiunto: "Soprattutto dimentica che il gruppo Eav è proprietà della regione, mentre il Cstp lo è della provincia e di alcuni comuni salernitani, compreso il capoluogo. E' a loro quindi che andrebbe rivolta la domanda sul perché non fanno un piano di risanamento e non immettono nuove risorse nell'azienda che hanno gestito per anni così male, nonostante avessero tra l'altro la certezza dei contratti di servizio e dunque degli introiti, a differenza di una qualsiasi altra impresa".

Secondo quanto assicura l'assessore "la regione non è neanche titolare dei servizi di trasporto su gomma (tranne che per alcune linee interprovinciali), che sono competenza invece delle province (per i servizi extraurbani) e dei comuni capoluogo (per quelli urbani). La definizione dei corrispettivi per azienda è dunque demandata alle province e ai comuni e non alla regione, che può solo dare indicazioni sulla cifra ma non imporla, limitandosi solo a trasferire le risorse necessarie genericamente per i servizi di trasporto pubblico locale. Sono poi i comuni e le province che distribuiscono le risorse alle singole aziende in base ai programmi stabiliti nei contratti di servizio che stipulano con esse".


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Cstp Salerno, nominati i commissari liquidatori

SalernoToday è in caricamento