menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una manifestazione pro Cstp

Una manifestazione pro Cstp

Cstp, i sindacati uniti contro il fallimento dell'azienda

"Alla luce dei 5 milioni di Euro che arriveranno dalla regione il salvataggio dell'azienda e dei posti di lavoro è possibile" così i sindacati di categoria

No al fallimento del Cstp: le segreterie provinciali dei sindacati di categoria, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporti, in una nota congiunta si schierano contro la cessazione del servizio di trasporto pubblico da parte del consorzio salernitano. I sindacati prendono le mosse da alcune dichiarazioni rilasciate dal commissario liquidatore Mario Santocchio ad un quotidiano locale, dalle quali emergeva, riferiscono i sindacata, la "decisione di cessare l'attività". Cgil, Cisl, Uil e Ugl di categoria si augurano che "si sia trattato solamente di una provocazione per stimolare un intervento da parte degli enti soci".

Eppure, secondo i sindacati, è possibile salvare il Cstp: questo alla luce dei circa 5 milioni di Euro che la regione Campania dovrà versare all'azienda per le compensazioni relative agli obblighi di servizio sostenuti in passato. Inoltre, si legge nella nota, se dovesse essere approvata la proposta di legge regionale cosiddetta "salva Cstp" per l'azienda di piazza Luciani (la cui gara per la vendita è andata quasi deserta) potrebbero arrivare altri 3,5 milioni di Euro. Questo garantirebbe il salvataggio dell'azienda senza l'intervento degli enti soci del consorzio.

"Il salvataggio del Cstp e soprattutto dei 595 dipendenti - recitano le organizzazioni sindacali - risulta concretamente possibile". Nel caso non fosse approvata la legge salva Cstp, la cifra da ricapitalizzare per gli enti soci sarebbe inferiore al milione di Euro. "Sulla base di tali presupposti pensiamo che si possano, inoltre, ragionevolmente creare le condizioni per prorogare i termini di scadenza della procedura di licenziamento collettivo, fissati per il prossimo 12 ottobre". I sindacati si sono inoltre detti disponibili ad un confronto su un piano industriale che permetta di abbattere le perdite mensili ma che, come ogni altro provvedimento, dovrà essere sottoposto all'assemblea dei soci per le decisioni finali.


  
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Salerno usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento