menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Criticità e disservizi sulla metro di Salerno: la denuncia del Codacons

Il 19 maggio i membri dell'associazione di tutela dei consumatori e degli utenti hanno effettuato un'ispezione sulla linea dalla stazione Torrione alla stazione Arechi, riscontrando non poche sorprese

Scende in campo il Codacons, per denunciare le pessime condizioni in cui versa la metropolitana di Salerno. Dopo aver ricevuto decine di segnalazioni da utenti in merito ai disservizi,  i rappresentanti del Codacons si sono messi in viaggio sulla linea ferrata cittadina per verificare l'effettiva qualità del servizio offerto.

In particolare, il 19 maggio i membri dell'associazione di tutela dei consumatori e degli utenti hanno effettuato un'ispezione sulla linea dalla stazione Torrione alla stazione Arechi, riscontrando non poche sorprese. Infatti, è emersa una disorganizzazione di sistema che in taluni casi trascende nell'incuria, così non sono garantiti servizi di qualità” sostiene il professor Enrico Marchetti, presidente del Codacons ed alcuni servizi sono del tutto insufficienti e ben lontani dagli standard europei richiamati dal Codice del consumo.

Di seguito, quanto emerso dal viaggio del Codacons


? Noncuranza e sporcizia diffusa delle stazioni Torrione, Pastena, Mercatello e Arbostella; le sedie in ferro risultano, oltre che sporche, già in stato avanzato di ossidazione;
? assoluta assenza di vigilanza delle suddette stazioni, soltanto presso la stazione Arechi si registrava la presenza di due addetti nell'apposito gabbiotto;
? evidente stato di abbandono del sistema di videosorveglianza sui binari;
? inspiegabile mancato funzionamento, in tutte le suddette stazioni, dei pannelli elettronici sui binari installati per l'indicazione dei treni in arrivo e in partenza;
? i pannelli installati sui binari per i cartelli con orari dei treni desolatamente vuoti;
? mancanza, nelle stazioni, di macchine per l'erogazione di biglietti.

La denuncia dell'avvocato Pierluigi Morena

“E' stato un breve viaggio tra una diffusa incuria, tra infrastrutture operanti da soli 5 anni che però appaiono già vetuste. Abbiamo inviato una diffida alla Regione Campania e a Trenitalia, chiedendo conto, tra le altre cose, dei contratti di manutenzione ordinaria delle stazioni. E' questa una battaglia di civiltà: non possiamo lasciare che un'opera importante per la mobilità, nel volgere di pochi anni, deperisca, con pregiudizio per il servizio pubblico e grave danno per le casse pubbliche”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento