rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Economia Fisciano

"Blocchiamo la crisi, sblocchiamo i cantieri", dibattito all'università

L'incontro è stato organizzato dal comitato SI SAV e dalla Feneal Uil Salerno con la collaborazione dell'ateneo. Obiettivo è porre l'attenzione sulle opere pubbliche da avviare

"Blocchiamo la crisi, sblocchiamo i cantieri" è il titolo del convegno/dibattito tenutosi ieri presso l'università degli studi di Salerno e promosso dal comitato SI SAV e dalla Feneal Uil Salerno, in collaborazione con l'ateneo. L'incontro ha fatto registrare la partecipazione di una "coinvolta platea" di operai edili, studenti universitari ed esponenti delle amministrazioni comunali. "Obiettivo del profetto è focalizzare l'attenzione pubblica sulle numerose e necessarie opere infrastrutturali ferme da tempo per mancanza di fondi, prima tra tutte l'ammodernamento e la messa in sicurezza del raccordo autostradale Salerno - Avellino facente parte del corridoio 1 intermodale Berlino - Palermo" è stato il commento del segretario regionale Feneal Uil Luigi Ciancio. Proprio dal "sì" al raccordo Salerno - Avellino è nato il nome dell'attivissimo comitato.

Presente anche il rettore dell'università di Salerno Raimondo Pasquino, che ha dichiarato di appoggiare il lavoro di comitato SI SAV e Feneal Uil e ha lamentato "l'assenza del supporto economico della regione Campania nella realizzazione di opere necessarie per il territorio". Presente anche il sindaco di Avellino Giuseppe Galasso, che ha sottolineato l'importanza dei lavori di ammodernamento del raccordo. “Devo dare atto alla Feneal Uil di Salerno delle fattive iniziative promosse sul territorio, forti e provocatorie, ma sempre rispettose della legalità – ha dichiarato il senatore Alfonso Andria firmatario, insieme ai senatori De Luca, Armato, Carloni, Chiaromonte e Incostante dell'interrogazione al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti relativa all'annosa vicenda dell'allargamento e della messa in sicurezza del raccordo autostradale Salerno-Avellino - Noi non molliamo, siamo al fianco di questa battaglia, ognuno con le proprie competenze, fiduciosi di portare a compimento un’opera che garantirà crescita al nostro territorio ed alla nostra economia”.

Di "necessità di una coscienza unica e coesa" ha parlato il senatore del partito democratico Vincenzo De Luca; così Marcello Feola, assessore provinciale ai lavori pubblici: “Condivido appieno la scelta del progetto Opzione Zero per la Salerno - Avellino, molto più adatta al rispetto del territorio”. Presente anche il presidente dei costruttori Antonio Lombardi, che ha dichiarato pieno appoggio all'iniziativa del comitato. Nel corso del dibattito è intervenuta anche Anna Rea, della segreteria nazionale Uil: “ Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità. Dare colpa alla burocrazia non serve, le cose si possono fare con grande responsabilità e forza di volontà purché le Istituzioni facciano la loro parte. L’incontro di oggi non è solo una denunzia, ma deve essere una proposta”.

Al dibattito organizzato da comitato SI SAV e Feneal Uil erano presenti inoltre Antonio D'Auria (assessore alla viabilità del comune di Baronissi), Eduardo Caliano (assessore al territorio del comune di Mercato San Severino), Francesco Di Geronimo (assessore ai lavori pubblici del comune di Fisciano) e Raffaele Della Valle (presidente della commissione trasporti del comune di Salerno). Non è mancato un "pensiero", da parte del segretario regionale degli edili Luigi Ciancio, per l'operaio di San Valentino Torio che nei giorni scorsi si è purtroppo tolto la vita: il segretario regionale Feneal Uil ha chiesto al presidente Lombardi di proporre, alla riunione che si terrà oggi all’ANCE, di devolvere una somma alla famiglia dell’operaio che si è suicidato.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Blocchiamo la crisi, sblocchiamo i cantieri", dibattito all'università

SalernoToday è in caricamento