rotate-mobile
Economia

Ottavio Lucarelli: "No agli LSU nel giornalismo"

Il presidente regionale dell'ordine dei giornalisti ha definito una "fabbrica di illusioni" l'accordo tra l'Assostampa Campania e l'assessore regionale al lavoro Severino Nappi, chiedendo a Caldoro di fare chiarezza sulla vicenda

E' polemica tra l'ordine regionale dei giornalisti e l'ente regione Campania in merito all'accordo tra Assostampa e la regione in favore dei precari del settore. Sulla vicenda è intervenuto il presidente regionale dell'ordine dei giornalisti Ottavio Lucarelli (foto): "No ai lavoratori socialmente utili nel giornalismo. Sì a una corretta applicazione della legge 150 sulla comunicazione pubblica" ha dichiarato il presidente dell'ordine, che ha definito "una nuova fabbrica di illusioni e di praticantati farsa" il "cosidetto accordo sul precariato tra l'Assostampa e l'assessore regionale al lavoro Severino Nappi annunciato nel corso di una semideserta assemblea contestata dagli stessi giornalisti del Coordinamento precari".

"Come presidente dell'ordine - ha aggiunto Lucarelli - non firmerò alcun praticantato che non rispetti le norme di legge. L'assessore Nappi aveva chiesto alcuni mesi fa all'ordine un sostegno alla sua proposta che assegna fondi agli editori nel campo dell'apprendistato senza alcuna garanzia di stabilizzazione per i giornalisti. Proposta che il consiglio dell'ordine della Campania ha respinto all'unanimità. Chiediamo pertanto al presidente della regione Stefano Caldoro di fare luce sulla vicenda".

Giornalisti precari, intesa Assostampa - regione Campania

 

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ottavio Lucarelli: "No agli LSU nel giornalismo"

SalernoToday è in caricamento