Il biglietto “Unico Ravello” diventa il “Pass” Costa d’Amalfi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Il biglietto “Unico Ravello” diventa il “Pass” Costa d’Amalfi. Grazie ai recenti protocolli di intesa stipulati con l’Assessorato alla Cultura e Beni Culturali, Eventi e Tradizioni del Comune di Amalfi e la Bambagina s.r.l., due  ulteriori di interesse culturale e turistico, il “Museo della Bussola e del Ducato Marinaro di Amalfi” e “Museo della Carta”, entrano nel percorso di visita del biglietto “Unico” promosso dal Consorzio di Promozione Turistica Ravello-Scala attivato nel 2016 per l’accesso ai monumenti di Ravello. Il Museo della Bussola e del Ducato Marinaro di Amalfi, che ha sede nell’Arsenale della Repubblica, (unico arsenale risalente all’anno mille ancora esistente in occidente ) è dedicato alla gloriosa storia dell’Antica Repubblica Marinara, poi diventata Ducato Marinaro di Amalfi, ed alla bussola, che gli amalfitani importarono  dalla Cina utilizzandola per primi in occidente, migliorandola e modernizzandola. Sotto le antiche volte in pietra dell’Antico Arsenale è possibile ammirare, oltre a  reperti di epoca tardo-imperiale,  i Tarì (la moneta battuta dalla zecca di Amalfi e che era accettata in tutti i principali porti del Mediterraneo), gli antichi codici di navigazione e visitare la mostra permanente “Dalla bussola alla girobussola”  dove, alla collezione di antichi compassi e bussole già presente è stata  affiancata una serie di pezzi unici provenienti dagli archivi storici della Marina Militare Italiana. 

Nel Museo della Carta, situato nel cuore della caratteristica Valle dei Mulini è possibile ammirare i secolari macchinari usati nella produzione della carta a mano:  gli antichi magli in legno che, azionati da una ruota idraulica, battevano e trituravano gli stracci di lino, cotone e canapa precedentemente raccolti nelle possenti pile in pietra, le presse settecentesche utilizzate per l’eliminazione dell’acqua in eccesso dei fogli, la macchina continua in tondo. Tutte le macchine, restaurate e rese funzionanti, sono azionate durante la visita con la forza e la potenza delle acque del torrente Canneto.

Oltre alla riduzione sul costo di ingresso, gli utilizzatori del biglietto potranno usufruire di sconti nei negozi, bar e ristoranti aderenti al Consorzio. Il nuovo biglietto, ora ancora più incentivante ad una visita meno fugace e più attenta del nostro territorio e quindi ad una più lunga permanenza, sarà fruibile a  partire dal mese di Aprile ed in vendita nei siti collegati e nelle agenzie di viaggio. Piena la soddisfazione espressa da Enza Cobalto, assessore al Comune di Amalfi con delega ai beni culturali, cultura, eventi e tradizioni che ha curato la definizione  degli accordi e dall’amministrazione del Consorzio di Promozione Turistica con il Direttore del Museo della Carta Emilio De Simone, per l’aver creato un nuovo momento  di sinergia fra pubblico e privato.


 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento