menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La lectio magistralis di Massimo Vignelli: nasce il logo di Salerno

Nel corso della attesa lectio magistralis del designer al teatro Verdi sono stati presentati i due loghi di sua creazione

"La fama di Salerno è ormai nota in tutto il mondo e, quindi, è un piacere far parte di questa squadra" ha esordito così il designer Massimo Vignelli nella sua lectio magistralis tenuta ieri presso il teatro municipale Giuseppe Verdi. Una lezione durante la quale il designer ha illustrato il nuovo brand del comune di Salerno, da lui stesso realizzato. L'appuntamento era molto atteso in città.

Due i loghi che il maestro Vignelli ha ideato per Salerno, "uno di carattere prettamente istituzionale da utilizzare a livello municipale", come spiega l'artista, con un logo che non dimentica i contenuti originali ma con essenzialità ed un'efficacia espressiva maggiore ed un altro "riservato al livello promozionale, contiene in sé l'elemento del mare, del tramonto, del sole, dell'orizzonte, del cielo e, se si guarda bene, si può scorgere al suo interno anche un delfino e un ippocampo". Si tratta, in quest'ultimo caso, di una S stilizzata, inserita in un cerchio dal doppio colore che richiama ad un orizzonte marino e, al tempo stesso, ad un tramonto accennato.

"Quest'ultimo logo - rimarca Vignelli - sarà utilizzato per tutte le attività ludiche e culturali e rappresenterà il marchio Salerno nel mondo". Il designer ha avuto parole di elogio per la città e per il sindaco Vincenzo De Luca: "Il sindaco Vincenzo De Luca - aggiunge Vignelli - è il vero grande catalizzatore di questa forza. Amministrazioni comunali di questo tipo ce ne sono ben poche perché, per pensare ad un'idea come questa, ci vogliono tre elementi: visione, grande coraggio e determinazione e il primo cittadino le contiene tutte avendo, tra le altre cose, una determinazione fuori dal comune".

Entusiasta il primo cittadino salernitano, che degli investimenti della cultura ha sempre parlato con fervore: "Lavorare con Vignelli è un'ennesima occasione offerta alla nostra città per entrare in contatto con la grande cultura e collocarci in una dimensione internazionale. Il lavoro di queste ore con Vignelli ha confermato la genialità del personaggio, le straordinarie capacità intuitive nel campo della comunicazione, ma anche le sue qualità umane. Come sempre, alla grandezza creativa di queste personalità si abbinano la semplicità e la disponibilità umane. Siamo, quindi, pronti a vivere un'esperienza di altissimo livello che offriamo soprattutto ai giovani salernitani: in questo modo potranno ricevere particolari stimoli e suggestioni sul piano culturale. Abbiamo l'ambizione dell'internazionalizzazione e per questo lo facciamo coinvolgendo personalità ed eccellenze del calibro di Vignelli".

Il sindaco ha aggiunto: "Oggi, infatti, l'unica carta che ha l'Italia è quella di puntare sull'eccellenza, solo così non sarà cancellata dalla scena mondiale. Per quanto riguarda la nostra realtà, noi puntiamo sempre più in alto e speriamo, grazie al nostro lavoro, di eguagliare le città di Cannes, Edimburgo e Salisburgo che sono i nostri riferimenti. Da qui a un anno e mezzo realizzeremo una città basata sull'accoglienza e sul turismo culturale".

PARTECIPA AL SONDAGGIO SUL LOGO DI SALERNO

 

 

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento