Economia

Montecorvino Rovella: politici rinunciano ad indennità e gettoni di presenza per i poveri

A seguito della rinuncia da parte degli assessori e di alcuni consiglieri delle indennità di carica e del gettone di presenza, l’amministrazione guidata dal sindaco Egidio Rossomando, ha messo da parte una “provvista” economica

Buone notizie per le famiglie in difficoltà di Montecorvino Rovella. Il Comune, infatti, ha dato vita al “Fondo di solidarietà” per i residenti bisognosi: a seguito della rinuncia da parte degli assessori e di alcuni consiglieri delle indennità di carica e del gettone di presenza, l’amministrazione guidata dal sindaco Egidio Rossomando, ha messo da parte una “provvista” economica per i meno abbienti.

Dallo scorso giugno, sono stati raccolti ben 34 mila euro. Una parte di essi, poco più di 17 mila euro andrà spesa per la realizzazione di luoghi ludico ricreativi, mentre l’altra metà sarà destinata all’erogazione di un contributo assistenziale di duecento euro per i richiedenti, il cui disagio risulta effettivo.

Tale contributo, quindi, verrà consegnato sotto forma di voucher da spendere per acquisto di beni di prima necessità, farmaci, di testi scolastici o ticket per la mensa scolastica. "È la prima volta nella storia del nostro Comune – ha osservato il primo cittadino Rossomando - che gli assessori e consiglieri rinunciano alle proprie indennità previste per legge a favore non solo delle famiglie svantaggiate, ma anche nella creazione di opere pubbliche per la collettività". Orgogliosa, anche l’assessore alle politiche sociali, Marisa Stabile: "È giusto che la gente sappia che lavoriamo quotidianamente senza percepire lo stipendio". Per presentare le domande ed accedere al "Fondo di solidarietà”, dunque, c'è tempo fino al prossimo giugno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montecorvino Rovella: politici rinunciano ad indennità e gettoni di presenza per i poveri

SalernoToday è in caricamento