Pesca al collasso in provincia: 1 ristorante su 5 cucina pesce made in Salerno

"Stati generali della pesca per affrontare le problematiche del settore": questa la proposta lanciata dal presidente provinciale di Coldiretti, Vittorio Sangiorgio

Sangiorgio

In provincia di Salerno il settore della Pesca è in crisi: la recessione ha portato il consumatore medio ad acquistare meno pesce (-11%), secondo un’analisi di Coldiretti sulla base delle elaborazioni sui dati Ismea relativi al primo quadrimestre del 2013. “Il 75% del pesce consumato all’anno pro-capite non è italiano – ha rivelato il responsabile di Coldiretti Impresa Pesca, Tonino Giardini - ma proviene da altri paesi. Solo 5 dei 20 chilogrammi è Made in Salerno. Lo stesso vale per i ristoranti: 1 su 5 utilizza pescato locale. Bisogna fare di più sul fronte della tracciabilità e della valorizzazione del prodotto locale”. Sono aumentate del 10% le famiglie salernitane che hanno rinunciato ad acquistare pesce fresco nonostante i prezzi al consumo siano rimasti pressoché stabili: forte calo, in particolare, per il pesce azzurro e i calamari.

"Stati generali della pesca per affrontare le problematiche del settore": questa la proposta lanciata dal presidente provinciale di Coldiretti, Vittorio Sangiorgio, al termine dell’incontro promosso ad Agropoli da Coldiretti Salerno e Impresa Pesca, sui recenti bandi di finanziamento varati dalla Regione Campania per il comparto. “Salerno ha un'altra grande risorsa dopo l'agroalimentare e si chiama pesca – ha osservato Sangiorgio - lavoreremo affinché questo settore torni ad essere strategico per lo sviluppo economico del territorio esaltando un altro patrimonio della nostra provincia: il mare. Promuoveremo gli stati generali della pesca e del mare in Camera di Commercio affinché il settore recuperi la sua centralità”.

“Con la legge di orientamento e modernizzazione dell'agricoltura, pesca e foreste – ha aggiunto - abbiamo assistito ad un grande salto in avanti dell'agricoltura ma lo stesso non possiamo dire che sia accaduto nella pesca, e da qui nasce il nostro impegno e la responsabilità, anche grazie al supporto di Uecoop. Salerno capitale dell'agroalimentare e del buon cibo non può esserlo senza uno dei suoi piatti forti”.

Alti costi di gestione dell’attività, rincari del carburante, mancanza di credito, difficoltà nella commercializzazione del prodotto locale: insomma, il settore è al collasso, come sottolineato dal presidente del Consorzio Pescatori Riuniti, Gaetano Buttarazzi: "Urge un intervento di sostegno forte e risoluto”. Sarà, dunque, avviata la vendita diretta nei mercati di Campagna Amica in tutta la provincia per dare risposte alle imprese e al consumatore finale con il miglio zero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Sorpresa nel Cilento, avvistato lo yacht "T.M Blue One” di Valentino

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Covid-19: in aumento i positivi in Campania, 23 nuovi contagi

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento