Suggestioni e commozione: il presepe mobile di Dupino è un incanto

Lo storico presepe mobile sarà ammirabile fino al 2 febbraio: ecco le caratteristiche

Una delle scene del presepe

Suggestioni ed emozioni, a Dupino, frazione di Cava de' Tirreni, per lo splendido presepe mobile che sarà ammirabile fino al 2 febbraio. Dal 1966, la chiesa parrocchiale di San Nicola, situata nella parte collinare sud orientale di Cava, è stata una tappa fissa per gli amanti dell’arte presepiale. Fu il sacerdote Don Emilio Papa, figura storica della città metelliana, che ha messo anima e passione per quasi mezzo secolo nel mantenere viva l’opera d’arte, ispirandosi a San Francesco D'Assisi ed ideando per la prima volta, a Greggio, la rievocazione della nascita del bambin Gesù in una grotta, per poi farne costruire uno che oltre ad essere tradizionale fosse un po’ piu adeguato ai tempi moderni della meccanica, con i pastori mobili.

La curiosità

Situato nei locali dell’ex chiesa di S.Anna adiacente all’ex convento delle monache clarisse cappuccine, il presepe in origine aveva dimensioni ridotte e la visione era frontale. Nel 1970 vi è stato il primo ampliamento dovuto all’acquisto della Natività, realizzata da Don Galileo Macori che è stato in assoluto il padre fondatore del presepe meccanizzato in Emilia Romagna. L’edizione del 1985 ha visto l’ultima modifica strutturale e la definitiva consegna alla storia di questo presepe. Don Emilio, affidandosi ad un gruppo di tecnici, scenografi e volontari lo estese su tutta la superfice del locale, creando un percorso per garantire ai visitatori una completa visione dell’opera.

i-4

I visitatori sono accolti tra giochi di luce , musiche, suoni inconfondibili provenienti dai movimenti stessi in un’atmosfera e scenografia uniche. Una storia lunga 50 anni, quella dell'opera che conta ben 47 movimenti, di cui 19 attivi durante l’intero ciclo giorno\notte, 26 attivi solo di giorno e la luna e il carretto una sola volta a ciclo. La capanna ha una particolarità che la rende unica: un solo motore collegato a una scatola d’ingranaggi, riesce a far muovere tutte le figure che la compongono. Dalla sua nascita a oggi, la scenografia del presepe ha subito alcune variazioni, fino ad arrivare a quella attuale.  E nel 2015, per riaprire di nuovo il presepe, è stato effettuato un adeguamento dell’impianto elettrico comprendente anche la sostituzione dei cavi dell’epoca infiammabili, con quelli a norma non infiammabili. Preziosa, la collaborazione del curatore Massimo De Sio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma a Torrione: donna si sente male sulla spiaggia e muore

  • Covid-19: salgono i contagi a Salerno e provincia, muore un paziente. L'appello di Polichetti (Fials)

  • Covid-19, sono 41 i contagiati a Salerno: terzo caso in poche ore

  • Coronavirus: due nuovi casi positivi a Salerno e uno a Scafati

  • Covid-19, positivo un 16enne a Salerno: 32 casi nel Cilento

  • Dramma a Casal Velino: anziano esce dal mare e muore sulla spiaggia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento