Economia

Riforma del lavoro: un patto tra Cisl, industriali ed istituzioni

Il patto è stato siglato a margine di un seminario organizzato dal sindacato cislino, allo scopo di migliorare la situazione occupazionale sul territorio sfruttando la legge Fornero

Giovanni Giudice, segretario provinciale Cisl Salerno
Un patto tra Cisl, industriali ed istituzioni per sfruttare al meglio, nel territorio di Salerno e provincia, le opportunità offerte dalla riforma del lavoro e migliorare la situazione del mercato occupazionale sul territorio: questo il bilancio del seminario tenutosi in mattinata presso il centro congressi La Zagara e organizzato dal sindacato cislino. La legge Fornero, riferisce la Cisl Salerno, anche se limitata in alcuni punti, c'è e può contribuire a migliorare l'intera situazione se applicata con criterio nei vari contesti territoriali.
 
Al dibattito ha preso parte anche Alberto Acocella, dirigente salernitano dell'Ormel Campania, l'osservatorio regionale del mercato del lavoro: “Siamo vicini a tutte le aziende campane come Ormel; in questo periodo tante sono le vertenze dalla provincia di Salerno che stiamo trattando. In particolare c’è quella del Cstp. Si tratta di una situazione delicata, visto che l’azienda è in liquidazione ed i lavoratori non possono accedere ai contratti di solidarietà previsti dal ministero. Per questo, come per le altre aziende in crisi nel settore dei trasporti in regione, potranno accedere ad un fondo realizzato dall’Ormel per affrontare casi specifici come questo”.
 
Presente anche il sindacalista cislino Giannantonio Mastrovito: “Il testo se applicato in modo giusto può aiutarci a regolamentare criticità storiche come la regolaz ione della flessibilità nell’accesso al lavoro, il contrasto agli abusi, il dualismo tra inclusi ed esclusi negli ammortizzatori sociali e la flessibilità in uscita che però non è affatto il problema principale del nostro mercato del lavoro, come si pretende che sia”. Su impulso della Cisl importante è stata la risposta dell’assessore provinciale Pina Esposito: “Vogliamo far nostro il Masterplan diramato dalla regione Campania per coinvolgere tutti gli attori sociali della provincia, creando così nuove opportunità di occupazione e cercando di investire soprattutto sulla pubblica amministrazione”.
 
Parole che non sono sfuggite a Giovanni Giudice, segretario generale della Cisl Salerno: “Sarà fondamentale stabilire un circuito virtuoso tra flessibilità e buona occupazione, dando vita ad un sistema di ammortizzatori sociali inclusivo, legato alle pol itiche attive per la ricollocazione dei lavoratori. In questo contesto un ruolo centrale spetta alle forze sociali ed al sindacato, a cui sono affidate forti responsabilità. E la Cisl salernitana, come già sta facendo quella nazionale, è pronta a fare la sua parte”.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma del lavoro: un patto tra Cisl, industriali ed istituzioni

SalernoToday è in caricamento