menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tassa di soggiorno, la Cisl Salerno è contro

Per Giovanni Giudice, sindacalista segretario provinciale della Cisl, si tratta di "un balzello che penalizza le realtà imprenditoriali". Critiche alle istituzioni

La Cisl Salerno contro la tassa di soggiorno. In una nota il segretario provinciale del sindacato di via Zara, Giovanni Giudice, ha dichiarato che "la tassa di soggiorno è un balzello che penalizza le realtà imprenditoriali”. Giudice ha proseguito: “Vorrei comprendere quale criterio ha spinto alcune amministrazioni comunali ad applicare la tassa in questo momento particolare. Noi viviamo un periodo di forte crisi, durante il quale le già poche presenze sono scoraggiate dai prezzi e poi ora qualcuno tira fuori dal cilindro l’imposizione di un ulteriore balzello? Non solo ritengo che sia assurdo, ma credo anche la durata massima dell’applicabilità sia eccessiva".
 
Il segretario provinciale della Cisl illustra alcuni esempi: "La Costa d’Amalfi l’anno scorso ha registrato una occupazione del 90% nel periodo di luglio, aumentata con il last minute. Quest’anno in molti rimarranno in Italia per le proprie vacanze ed alla Cisl piacerebbe sapere che fine faranno questi soldi, se verranno reinvestiti, come dovrebbe essere, nel settore turismo, o, più probabilmente, verranno utilizzati per rimpinguare le casse comunali. Vorremmo che i sindaci potessero spiegarlo ai sindacati di categoria in un incontro pubblico davanti ai cittadini, prendendosi così tutte le loro responsabilità di amministratori”.
 
La Cisl Salerno è critica anche con la regione Campania circa la legge regionale sul turismo: “Il provvedimento adottato potrebbe decidere d’autorità che la Costiera amalfitana fa parte di un ambito turistico territoriale più ampio, comprensivo ad esempio della Penisola sorrentina e che perciò non debba più esistere quale entità turistica autonoma, finendo in una realtà più eterogenea che finirebbe, peraltro, di soffocarla con la legge dei numeri. Tutto ciò è inaccettabile”.
 
Critiche anche per il "sistema turismo" a Salerno: “Poco tempo fa un turista che arrivava in città con il treno poteva chiedere informazioni all’ufficio dell’Ept, l’Ente provinciale al Turismo. Ma attualmente l’ufficio è stato dislocato sul Lungomare Trieste, nel cuore del centro storico, ed i tanti vacanzieri di questi giorni restano spaesati una volta arrivati a piazza Vittorio Veneto. Qual è l’idea ed il concetto di turismo nella città di Salerno? Questa è una domanda che rivolgo a tutte le autorità civili di questa città e spero di avere presto risposta. Ma davvero pensate che un turista, che non conosce Salerno, possa raggiungere l’ufficio dell’Ept nella sua nuova sede? Se la politica pensa a litigare e a pagarne le spese deve essere il sistema turismo questo è inconcepibile. In questo modo la stagione si sta rivelando fallimentare”.
 
Giovanni Giudice conclude: “Tecnicamente i comuni, la provincia e la regione possono fare programmazione autonomamente, rischiando quindi di sovrapporsi e realizzare cose senza nessun senso logico. Chiediamo pertanto alle associazioni del turismo di mettere in piedi un tavolo di discussione per una proposta unica che vede d’accordo imprenditori ed organizzazioni sindacali”.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento