Lunedì, 17 Maggio 2021
Economia

Tassa di soggiorno, la proposta arriva lunedì 17 in consiglio comunale

Se ne era discusso già in estate e lunedì prossimo la proposta approda in consiglio comunale: salvo improbabili sorprese il provvedimento dovrebbe essere approvato

La tassa di soggiorno approda in consiglio comunale a Salerno lunedì prossimo: l'assise è stata convocata alle 17 a Palazzo di Città e, salvo improbabili sorprese, la proposta avanzata già nei mesi estivi dal sindaco Vincenzo De Luca, per far fronte, tra le altre cose, ai tagli agli enti locali decisi dal governo nazionale, sarà approvata dal civico consesso salernitano.

ENTRATE ANNUE PER 250/300 MILA EURO - Come si legge in un articolo apparso sul Corriere della Sera, sono state stimate, con il contributo di soggiorno, entrate annue nelle casse comunali per 250 - 300mila Euro. La misura, di certo non molto gradita agli operatori del settore turistico, albergatori in primis, è però necessaria, secondo l'amministrazione comunale, proprio per far fronte ai tagli imposti dal governo nazionale.

OPERATORI TURISTICI PREOCCUPATI - Gli albergatori temono che la tassa di soggiorno possa scoraggiare i turisti nelle loro intenzioni di pernottare a Salerno. Una preoccupazione tuttavia scacciata dall'amministrazione comunale. Queste le tariffe decise nei giorni scorsi: tre Euro al giorno per gli alberghi a quattro stelle, due Euro per le altre strutture, 1 Euro invece per i campeggi e per i camper in sosta nelle aree attrezzate. Il balzello tuttavia non sarà applicato indiscriminatamente a tutte le persone che si recheranno a soggiornare a Salerno.

SOGGETTI ESENTATI DAL PAGAMENTO - Sempre dall'articolo del Corriere della Sera si evince che alcune categorie saranno esentate dal pagamento della tassa di soggiorno: bambini di età inferiore ai 10 anni, autisti di autobus, accompagnatori di gruppi di almeno 20 persone, gli studenti, i malati, i parenti di persone ricoverate nelle strutture ospedaliere del capoluogo, i lavoratori. Ma anche i "semplici turisti" che decideranno di prolungare la loro permanenza in città o di fare ritorno a Salerno potranno godere di qualche bonus.

BONUS TURISTI - Nel dettaglio, chi pernotterà per più di cinque notti consecutive a Salerno città a partire dal sesto giorno non pagherà più la tassa di soggiorno; chi invece nel corso dell'anno solare pernotterà per più di dieci giorni, a partire dall'undicesimo giorno non pagherà più la tassa di soggiorno.

LUCI D'ARTISTA PRIMO BANCO DI PROVA - Nelle proposte dell'amministrazione comunale guidata dal sindaco Vincenzo De Luca emerge la volontà di tutelare le fasce deboli e di dare agli albergatori e agli operatori del settore la possibilità di formulare offerte sulla base delle "postille" alla tassa. Il primo banco di prova della nuova tassa di soggiorno a Salerno sarà il periodo natalizio: a breve infatti in città saranno accese le Luci d'Artista, che già da due anni attirano numerosissimi visitatori e turisti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa di soggiorno, la proposta arriva lunedì 17 in consiglio comunale

SalernoToday è in caricamento