Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

Secondo quanto reso noto dall’Abbac, tra le cause, la concorrenza sleale di strutture ricettive irregolari tra Salerno e Napoli. Solo il 60% delle camere nelle strutture ricettive sono state prenotate

Foto di Antonio Capuano

Non è stato registrato il pienone nel nostro territorio, per la festa dell'Immacolata. Solo il 60% delle camere delle strutture ricettive, infatti, risultano prenotate in questo week-end in Campania, secondo quanto reso noto dall’Abbac. Tra le cause, la concorrenza sleale di strutture ricettive irregolari tra Salerno e Napoli. Gli operatori ricettivi sperano nel periodo natalizio dopo un pessimo novembre a seguito del maltempo e di un fisiologico calo: buone le previsioni per il Capodanno, ma si annuncia ridotto, il periodo di permanenza dei visitatori.

Parla Agostino Ingenito, presidente Abbac

"Dobbiamo purtroppo registrare una battuta d’arresto rispetto ai periodi degli scorsi anni. Siamo però certi che non è questione di calo di appeal, Napoli e la Campania sono sempre più mete ricercate ma per questa festa dell’Immacolata stanno pesando diversi elementi. Le giravolte da ambiti turistici mai nati e i distretti varati dal Ministero non consentono di avere chiarezza sul turismo regionale che sconta le problematiche di sempre riguardo alla mobilità e infrastrutture. La rete dei collegamenti resta in affanno soprattutto verso Penisola Sorrentina, Costiera Amalfitana e le isole.

Speriamo che l’overtourism lamentato in questi ultimi mesi non si trasformi in un pretesto per mettere in discussione una delle poche opportunità economiche di centinaia di famiglie in Campania, che, costrette a subire una crisi economica notevole, e prive di segmenti persi della manifattura, si sono spinte a valorizzare il patrimonio abitativo.

Un’opportunità che potrebbe soprattutto nelle aree interne arginare quel grave fenomeno di spopolamento e crisi territoriale che accompagna molte nostre aree interne mal collegate e poco visibili a livello internazionale ma che potrebbero trasformarsi in risorsa economica, se si lavora ad uno sviluppo di low tourism, turismo di ritorno e implementazione di servizi e infrastrutture.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I clan attivi in provincia di Salerno: nuova relazione dell'Antimafia

  • Blitz a Casa Campitelli di Pagani, scoperta "azienda" della droga: 13 arresti

  • Dramma a Cava, giovane precipita dal balcone e muore

  • Arancini, crocche e specialità siciliane: inaugurata "Mizzica" a Salerno

  • Chiudono le edicole, parlano i giornalai: "Con 800 euro non si può vivere"

  • Paura a Battipaglia, rapinato un supermercato: donna ferita

Torna su
SalernoToday è in caricamento