rotate-mobile
Economia

Fesmed e Cisl medici, ultimatum all'Asl: "Pronti allo stato d'agitazione"

In una nota congiunta i sindacati chiedono l'attenzione dell'Asl su quattro punti: le coperture assicurative dei dipendenti, il saldo del 2009 e 2010, il contratto integrativo aziendale e l'adeguamento contrattuale

Un ultimatum di 10 giorni e poi sarà stato di agitazione per circa trecento medici e veterinari aderenti alle sigle Federazione sindacale medici dirigenti (Fesmed) e Cisl Asl di Salerno. Ad annunciarlo sono i responsabili delle due sigle sindacali, Pasquale Vastola e Alfonso Citarella, che contestano l'operato del commissario straordinario dell'azienda sanitaria salernitana Maurizio Bortoletti.

La contestazione da parte di Fesmed e Cisl Asl di Salerno si basa principalmente su quattro questioni: le coperture assicurative dei dipendenti, i saldi per il 2009 e 2010, la definizione del contratto integrativo aziendale e l'adeguamento contrattuale di alcuni dirigenti dell'ex Asl Salerno 3.

"A seguito di comunicazione formale - si legge in un comunicato congiunto delle due sigle sindacali - è stata assicurata l'erogazione dei saldi del 2009 e del 2010 con le spettanze di ottobre 2011. L'eventuale mancato rispetto dell'impegno assunto rappresenterà la classica goccia che fa traboccare il vaso e obbligherà Fesmed e Cisl medici a dichiarare lo stato di agitazione".

Alla questione economica si aggiunge quella delle polizze di responsabilità civile verso terzi "da contratto obbligatorie per i dipendenti e fondamentali per lavorare con serenità". E ancora: "Il commissario ha lasciato tutti scoperti a partire dal primo ottobre, tanto che alcune organizzazioni sindacali di medici, veterinari e infermieri hanno segnalato il problema, in data 4 ottobre, in prefettura e procura. E' stato assicurato - proseguono i sindacati nella nota - che la procedura sarebbe stata definita il giorno 10 ottobre e che l'azienda ne avrebbe dato notizia a tutto il personale, ma ad oggi nessuna rassicurazione risulta pervenuta".

I sindacati segnalano inoltre due problemi di tipo contrattuale: "A distanza di 32 mesi dall'unificazione dell'azienda i trattamenti economici non risultano ancora uniformi su tutto il territorio di competenza: un medico che lavora presso una struttura ex Salerno 2 percepisce per la pronta disponibilità un importo diverso rispetto a un altro che lavora presso una struttura ex Salerno 1 o ex Salerno 3. Così è per l'indennità variabile aziendale che viene ancora erogata in maniera disomogenea e per il fondo di perequazione distribuito solo in alcuni ambiti. Nulla è stato fatto affinché i dirigenti potessero sentirsi dipendenti della stessa azienda. E questo si ottiene attraverso la definizione del contratto integrativo aziendale, unico per tutto il territorio, oggi non ancora definito nonostante gli inviti del sindacato a provvedere con urgenza".

Il secondo problema - si legge nella nota - riguarda l'adeguamento contrattuale di alcuni medici dell'Asl Salerno 3, già valutati dalle commissioni mediche competenti, ma in attesa da circa due anni della delibera aziendale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fesmed e Cisl medici, ultimatum all'Asl: "Pronti allo stato d'agitazione"

SalernoToday è in caricamento